iscrizionenewslettergif
Sport

Calcioscommesse, Erodiani: le combine? Mai avuto conferme dirette

Di Redazione22 giugno 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Massimo Erodiani

Massimo Erodiani

BERGAMO — Passano i giorni e calano le certezze. Dopo il terzo interrogatorio del commercialista Giannone avvenuto martedì, mercoledì è toccato al titolare dell’agenzia di scommesse pescarese Massimo Erodiani.

Cinque ore davanti al pm Di Martino, un incontro definito importante dallo stesso titolare dell’inchiesta “Last Bet” ma che, ascoltando le parole del legale De Marco, spegne ancora di più le preoccupazioni degli appassionati nerazzurri.

“Ha indicato delle partite, ma non e’ detto che ci siano state veramente delle manipolazioni”.

Con questa frase, raccolta dal collega dell’Ansa presente fuori dal Tribunale di Cremona e pubblicate alle 20.48, l’avvocato ha di fatto smontato gran parte della convinzioni di chi fin dai primi giorni ha ritenuto Erodiani un uomo chiave del pastrocchio legato alle scommesse.

Come se non bastasse, altre dichiarazioni confermano che lo stesso pescarese non ha contatti che contano ma solo informazioni di rimbalzo.

“Le notizie riferite al Pm da Erodiani sono state apprese da altri indagati tra cui Bellavista, Parlato e Paoloni e lui non neavrebbe mai avuto conferme dirette”. E ancora: “Il titolare diagenzie di scommesse pescarese ha detto di non averne avuto esperienza diretta, nel senso che non ha avuto un ruolo nelle presunte combine, ma ne ha sentito parlare da altri indagati, in particolare dal medico dentista Marco Pirani, i cui referenti, sempre secondo Erodiani, sarebbero stati Sergio Pellissier del Chievo e il calciatore Marco Galante”.

Millanterie o verità? Tutte le strade portano lontano da qualcosa di credibile e per chi soffre pensando ai rischi che l’Atalanta (forse) corre ecco un altro virgolettato decisamente importante: si parla di Cristiano Doni e di Atalanta-Piacenza. E anche qui arriva la conferma che si parla solo per sentito dire.

Erodiani ” è anche tornato su quell’Atalanta-Piacenza, il primo dei match oggetto delle attenzioni del gruppo, di cui aveva abbondantemente parlato nei suoi interrogatori precedenti, ma non su un possibile ruolo del capitano della squadra bergamasca, Cristiano Doni che il titolare di agenzie di scommesse ha ribadito di non conoscere”. Quindi siamo fermi alle millanterie di chi non conosce il leader orobico e lo ribadisce davanti al magistrato.

Chiudiamo con una precisazione, doverosa visto l’abbaglio che alcune testate hanno preso nel tardo pomeriggio. Alle 18.25 un lancio d’agenzia Ansa riferiva di come Erodiani avesse parlato di un Atalanta-Livorno relativo alle stagioni scorse: normale la preoccupazione che subito si è diffusa tra i tifosi orobici, anomala la mancata rettifica quando alle 19.38 la stessa Ansa ha precisato che ” è Ascoli-Livorno, e non Atalanta-Livorno, come avevano riferito i legali di Massimo Erodiani, una delle partite di cui il loro assistito ha parlato quest’oggi davanti al pm Roberto Di Martino”.

Fabio Gennari

 

 

 

Altro giro, altra versione: Giannone smentisce sé stesso

L'inchiesta Last Bet BERGAMO -- Limitiamoci ai fatti. Nudi, crudi, semplici. A Cremona, per la faccenda del calcio-scommesse, ...

Juve, pronto il nuovo stadio: renderà 30 milioni l’anno (video)

Il nuovo stadio della Juventus TORINO -- Mentre il nuovo stadio di Bergamo è ben lungi da venire, a Torino ...