iscrizionenewslettergif
Bergamo

Bergamo capitale della lotta alla pedofilia

Di Redazione15 giugno 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giù le mani dai bambini

Giù le mani dai bambini

BERGAMO — La più lontana arriva dalla Sicilia, la più vicina da Bergamo città. Circa 200 persone, in rappresentanza di un gruppo di più di 1500, arriveranno in questi giorni a Bergamo per la riunione nazionale vittime pedofilia, progetto unico in Europa, creato da un paio d’anni dall’associazione bergamasca Prometeo onlus.

Ci saranno vittime di abusi da parte dei familiari più stretti, ma anche da parte di sacerdoti, maestri, medici. “La pedofilia è un tarlo che attanaglia ogni sfera della società – spiega il presidente di Prometeo Massimiliano Frassi che ha ideato il progetto del coordinamento vittime -. Non vogliamo insegnare niente, ma abbiamo trasmesso a queste persone un suggerimento molto importante: quello cioè che non si può essere vittima a vita. L’abuso lo si può superare, il dolore lo si può sconfiggere e tornare a vivere sarà la risposta migliore”.

“Bergamo torna ad essere capitale della lotta alla pedofila. Lo diciamo senza voler cadere nel mero campanilismo, ma resta un dato di fatto che dalla nostra città ancora una volta parte un esempio all’avanguardia che andrebbe clonato e replicato in ogni parte d’Italia” dice Frassi. Il raduno nazionale si terrà nei giorni di sabato 18 e domenica 19 giugno. “Il primo obiettivo sarà il benessere dei partecipanti. Da lì insieme progetteremo però anche degli interventi per chi ancora soffre e al gruppo non ha avuto la possibilità di arrivare”.

Case: a Bergamo solo 1400 compravendite l’anno scorso

Ancora crisi sul mercato immobiliare bergamasco BERGAMO -- Sono state oltre 1400 le compravendite di immobili residenziali in città nel 2010, ...

Maltempo in arrivo: occhio ai temporali venerdì e sabato

Maltempo in arrivo BERGAMO -- Virerà al brutto il tempo nei prossimi due giorni. A partire dal tardo ...