iscrizionenewslettergif
Politica

Treviglio, Uniti per cambiare: la Siliprandi lancia il suo movimento

Di Redazione9 giugno 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Patrizia Siliprandi

Patrizia Siliprandi

TREVIGLIO — Un movimento della società civile. E’ questo l’obiettivo di Patrizia Siliprandi che in questo intervento spiega come lancerà la sua nuova iniziativa politica a Treviglio, grazie al gruppo Uniti per cambiare, nato in vista delle elezioni amministrative, come retaggio dell’esperienza politica di Enzo Riganti.

“Conclusasi la fase elettorale, ed a prescindere dalle risultanze, i componenti delle tre liste che hanno sostenuto la candidatura di Patrizia Siliprandi a Sindaco, hanno deciso di costituire un gruppo di lavoro, un laboratorio politico aperto attraverso il quale accogliere proteste ed esigenze dei cittadini per tramutarle in richieste e proposte per la possibile risoluzione.

Questa esigenza è determinante non tanto per “differenziarci”, perseguendo la ricerca “identitaria” della quale non si sente né il bisogno né la necessità, ma sicuramente per fissare i punti di partenza e gli obiettivi da raggiungere. Da qui la nascita dei gruppo “Uniti per cambiare” per riunire intorno a quell’idem sentire, i più ampi consensi ed il maggior numero di persone che abbiano voglia e volontà di sviluppare un progetto politico che necessariamente sarà e deve essere in continua evoluzione.

Ora mentre la moderazione può e deve essere alla base della continuità, riteniamo che sia altrettanto importante che il solco politico venga tracciato alla luce del senso di responsabilità che ognuno deve avere nei confronti di ciascuno dei voti ricevuti, come se quelle schede elettorali riportassero nome, cognome ed indirizzo. Ognuno di quei voti aspetta una risposta, che si deve essere in grado di dare. Per fare ciò corre l’obbligo che il nostro “gruppo” continui lungo la strada scelta della presenza e dell’ascolto, ingeneroso sarebbe “abbandonare” questa esperienza, questa scelta in virtù dei risultati ottenuti.

Il politico che si rispetti deve sì provvedere all’oggi ma altresì pensare al domani e gettare le basi per il futuro della sua città, da qui l’importanza di rimarcare, attraverso la presenza del neonato gruppo “Uniti per cambiare” i percorsi socio culturali, politici, ideali ed etici che vogliamo per noi e per i trevigliesi tutti”.

Retroscena: Formigoni pensa al rimpasto in giunta

Roberto Formigoni MILANO -- Dopo la batosta elettorale, anche in Regione si torna a parlare di rimpasto ...

Saffioti (Pdl): referendum bufala, meglio l’astensione

Il coordinatore provinciale del Pdl Carlo Saffioti BERGAMO -- "Il referendum del 12 e 13 giugno? Una delle più clamorose bufale in ...