iscrizionenewslettergif
Italia

Melania, il legale del marito: Parolisi ha detto la verità

Di Redazione6 giugno 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi

ASCOLI PICENO — “Non c’è nessuna lacuna nel racconto della scomparsa della moglie, fatta dal mio assistito, e a noi, per ora, non risulta che dai tabulati telefonici emerga che si lui si trovasse a Ripe di Civitella nel pomeriggio del 18 aprile”. Lo ha detto all’agenzia di stampa Agi Walter Biscotti, legale di Salvatore Parolisi, il vedovo di Melania Rea, la 29enne di Somma Vesuviana trovata uccisa con 32 coltellate il 20 aprile scorso nel bosco delle Casermette, in provincia di Teramo.

La donna, secondo Parolisi, si trovava a Colle S.Marco (Ascoli) con lui, nel primo pomeriggio del 18 aprile, quando si è allontanata per andare al bagno in un ristorante della zona, e poi è sparita. Sara’ trovata cadavere due giorni dopo, vicino al Chiosco della Pineta, nel teramano, in uno bosco che si trova a circa 18 chilometri dal San Marco. A farla ritrovare un telefonista che chiamò da una cabina pubblica di Teramo, e che è ancora sconosciuto nonostante gli appelli della Procura di Ascoli e dei familiari di Melania.

“Il mio assistito – dice l’avvocato Biscotti – ha spiegato tutto, per filo e per segno, e per decine di ore ai magistrati, quello che è accaduto il giorno della scomparsa. Non aveva e non ha niente da nascondere, resta parte offesa e rimane sempre a disposizione degli inquirenti per ogni necessita’”. Il legale, che insieme al collega Nicodemo Gentile assiste anche Concetta Serrano, la madre di Sarah Scazzi – la 15enne uccisa ad Avetrana nell’agosto 2010 – sarà ad Ascoli la settimana prossima.

Al momento non sono in programma, sempre secondo Biscotti, nuove audizioni del caporalmaggiore Parolisi o sopralluoghi nella sua abitazione di Folignano. Intanto gli inquirenti continuano a lavorare senza sosta sul caso, con nuove audizioni soprattutto di soldatesse della caserma Clementi di Ascoli, dove il vedovo di Melania lavorava come istruttore di reclute.

Nel frattempo Salvatore tornerà a Folignano, pronto per riprendere il suo lavoro alla caserma dell’Esercito in cui vengono istruite le giovani soldatesse. L’uomo però avrebbe espresso il desiderio di cambiare casa. Non più l’abitazione in cui viveva con Melania, ormai carica di ricordi dolorosi. Ma un altro appartamento che cercherà nei prossimi giorni.

Il marito di Melania, terminate le giornate di permesso, dovrebbe tornare a lavoro questa settimana. Forse già da oggi. Il caporalmaggiore sul quale inizialmente si era concentrata l’attenzione degli investigatori che lo hanno sentito diverse volte come persona informata sui fatti, ma la momento non risulta indagato.

Melania: gli investigatori compongono il puzzle

Gli investigatori al lavoro sul luogo del ritrovamento ASCOLI PICENO -- Il tentativo è quello di comporre il puzzle di elementi a disposizione ...

Melania, “toccata e fuga” del marito a Folignano

Salvatore Parolisi, marito di Melania Rea ASCOLI PICENO -- Ancora un mese di attesa. Sarà depositata ''fra il 15 e il ...