iscrizionenewslettergif
Politica

Grillo all’attacco: a Milano ha vinto “Pisapippa”

Di Redazione31 maggio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Beppe Grillo

Beppe Grillo

MILANO — Il titolo è già un programma: “L’Italia di Pisapippa”. E l’articolo è come sempre provocatorio e tagliente. Così Beppe Grillo ha commentato sul suo blog l’esito delle elezioni amministrative a cui è presentato anche il Movimento cinque stelle.

“Ha vinto il Sistema – scrive Grillo -. Quello che ti fa scendere in piazza perché hai vinto tu, ma alla fine vince sempre lui. Che trasforma gli elettori in tifosi contenti che finalmente ha vinto la sinistra o alternativamente, ha vinto la destra. Qualcuno ha detto al Pdmenoelle che “E’ facile vincere con i candidati degli altri”. Già, ma chi sono gli altri?”.

“Pisapia – attacca Grillo – avvocato di De Benedetti, tessera pdmenoelle numero uno (che ha per l’ingegnere svizzero gli stessi effetti taumaturgici della mitica monetina di Zio Paperone), Fassino deputato a Roma e sindaco a Torino che vuole la militarizzazione della val di Susa, Vendola che costruisce inceneritori insieme alla Marcegaglia, destina 120 milioni di euro di denaro pubblico della Regione Puglia alla fondazione San Raffaele di Don Verzé, padre spirituale di Berlusconi e mantiene privata la gestione dell’acqua? Il Sistema ha liquidato Berlusconi e deve presentare nuove facce per non essere travolto. Se sono vecchie, le fa passare per nuove. Se sono nuove le fagocita con la tessera di partito e ruoli di rappresentanza”.

“Se Pisapia – continua – fermerà almeno la costruzione mostruosa dell’Expo 2015 insieme a quella di City Life, chiuderà gli inceneritori, taglierà del 75% gli stipendi dei consiglieri comunali, mi ricrederò, pensate che lo farà? A leggere i giornali sembra che il Movimento 5 Stelle sia stato cancellato dalla politica, spazzato via dal nuovo che avanza. Ha vinto il Pdmenoelle, lo stesso che ha garantito per 18 anni a Berlusconi “una vita che non è mai tardi”, che ha permesso lo scudo fiscale, votato l’indulto, che non ha reso possibile l’accorpamento tra elezioni amministrative e referendum (bastava un solo voto, ma erano assenti 10 pdmenoellini, tra cui Fassino, e 2 Idv, pensate che sia un caso?), che ha regalato tre frequenze nazionali pubbliche a Berlusconi chiedendo in cambio solo l’uno per cento del fatturato, che non ha fatto la legge sul conflitto di interessi quando era al governo e neppure ha modificato la legge porcata di Calderoli”.

Ponte San Pietro: il sindaco Baraldi presenta la nuova giunta

Il sindaco di Ponte Valerio Baraldi PONTE SAN PIETRO -- Il nuovo sindaco leghista Valerio Baraldi ha tenuto per sé le ...

Sicurezza, Misiani: la nostra provincia è sguarnita di polizia

Antonio Misiani BERGAMO -- "Questa protesta è La conferma che il governo Berlusconi in tema di sicurezza ...