iscrizionenewslettergif
Politica

Pdl: Formigoni si candida per il dopo-Berlusconi

Di Redazione27 maggio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Roberto Formigoni

Roberto Formigoni

MILANO — “Sono un dirigente del Pdl da anni e so di essere piuttosto stimato: per questo mi candiderei”. Con queste parole, Roberto Formigoni si candida alla successione di Silvio Berlusconi, qualora il cavaliere di Arcore dovesse abdicare.

“Premetto che Silvio Berlusconi è il nostro leader finchè non farà un passo avanti come Presidente della Repubblica ma, a quel punto, nel Pdl non bisognerà nel disperderne il lascito” ha detto Formigoni. “Dopo Silvio niente diluvio” ha aggiunto Formigoni, spiegando che il partito dovrà procedere alla scelta del nuovo leader non per cooptazione dall’alto o indicazione successoria bensì con “il grande metodo democratico delle primarie, secondo il modello aperto della vera democrazia americana e non quello delle primarie farlocche del centrosinistre”. Una competizione democratica che “affiderà la scelta del nuovo leader mica ai soliti notabili ma al grande popolo della libertà” alla quale Formigoni, governatore della Lombardia al terzo mandato, intende partecipare.

E’ evidente che alla battaglia per la successione a Berlusconi parteciperanno Alfano e Tremonti. “E ci metto, magari, anche La Russa e Gelmini – ha aggiunto Formigoni. Dovremo usare il metodo della grande democrazia americana. Il nuovo leader, dopo Silvio, dovrà essere di solida esperienza, ma non vecchio. Una personalità dialogante con le opposizioni, di valori moderati, capace di raccogliere le istanze del Nord come del Centro e del Sud”.

Disabili: 1000 posti di lavoro per l’Expo

La Regione Lombardia BERGAMO -- Almeno 1.000 posti di lavoro nelle attività legate a Expo 2015 per persone ...

Treviglio: l’elezione deciderà i nuovi equilibri nel Pdl

Giuseppe Pezzoni, candidato del centrodestra TREVIGLIO -- Fine settimana di elezioni a Treviglio. Domenica e lunedì i seggi saranno aperti ...