iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi a “reti unificate”: multa ai telegiornali

Di Redazione24 maggio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Berlusconi nei tg

Berlusconi nei tg

ROMA — La strapotere di Berlusconi, che venerdì scorso ha praticamente diffuso messaggi di propaganda politica a “reti unificate”, finisce con una multa da parte dell’AgCom ai telegiornali anche pubblici: ergo paghiamo noi.

L’Autorità di garanzia delle telecomunicazioni ha inflitto la sanzione massima prevista dalla legge (258.230 euro) al Tg1 e al Tg4 in quanto recidivi, e sanzioni di 100 mila euro ciascuno a Tg2, Tg5 e Studio Aperto.

“La Commissione servizi e prodotti dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni – spiega una nota dell’organismo di garanzia – nella sua riunione odierna, ha esaminato, anche alla luce degli esposti presentati, la situazione determinatasi nella giornata di venerdì 20 maggio, nella quale si è avuta la trasmissione, in prime time, da parte dei notiziari Tg1, Tg2, Tg5, Tg4 e Studio Aperto, di interviste al presidente del Consiglio”.

“Sul punto – ricorda la nota – l’Autorità aveva chiesto lo scorso 21 maggio chiarimenti urgenti alle emittenti interessate. Considerate le osservazioni pervenute da Rai e Mediaset, la Commissione ha ritenuto che le interviste, tutte contenenti opinioni e valutazioni politiche sui temi della campagna elettorale, ed omologhe per modalità di esposizione mediatica, abbiano determinato una violazione dei regolamenti elettorali emanati dalla Commissione parlamentare di Vigilanza e dall’Agcom”.

“La Commissione ha pertanto deliberato, a maggioranza, di comminare a Tg1 e Tg4 – annuncia la nota – la sanzione nella misura massima prevista dalla legge (258.230 euro), in quanto recidivi, e sanzioni di 100 mila euro ciascuno a Tg2, Tg5 e Studio Aperto. L’Autorità ribadisce che vige il dovere di equilibrio e completezza di informazione fino alla conclusione della campagna elettorale con i ballottaggi in corso”.

L’Autorità ha infine “chiarito che il divieto di diffusione di sondaggi sulle intenzioni di voto rimane in vigore su tutto il territorio nazionale fino allo svolgimento del secondo turno delle elezioni amministrative”.

Scambio di convenevoli fra Montezemolo e Fassino

Carlo De Benedetti, Azzurra Caltagirone, Luca Cordero di Montezemolo e Piero Fassino TORINO -- Scambio di convenevoli fra Luca Cordero di Montezemolo e Piero Fassino. Il presidente ...

Elezioni a Milano: alla Moratti mancano 4000 voti di CL

La Moratti con Formigoni MILANO -- Chi ha incastrato la Moratti? Non è il titolo di un film di ...