iscrizionenewslettergif
Politica

Elezioni: preferenze dimezzate a Berlusconi

Di Redazione17 maggio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

MILANO– Eran 53mila giovani e forti e sono morti. Anzi, hanno cambiato casacca. Perdonate l’impropria citazione ma quanto accaduto a Milano ha veramente del paradossale. La culla del berlusconismo, che aveva sancito il trionfo del Cavaliere nel 2006, pare aver voltato le spalle all’uomo di Arcore dimezzando le preferenze espresse al premier capolista.

Alle elezioni amministrative di 5 anni fa, il Cavaliere aveva raccolto qualcosa come 53.297 voti suoi personali. Passano gli anni ed ecco che alla medesima competizione elettorale, il premier fatica a raccogliere 27.972 voti, la metà di quelli precedenti.

E dire che era stato Berlusconi stesso ad indicare nelle 53.000 preferenze l’obiettivo minimo da raggiungere. Il Pdl (An+Forza Italia) ha raccolto in tutto a Milano 171mila voti, Berlusconi ha avuto la preferenza del 16,3 per cento degli elettori del proprio partito. Nel 2006, con 194mila voti per la sola Forza Italia, Berlusconi aveva catturato il 27,3 per cento delle preferenze disponibili.

Pisapia stacca la Moratti di 6 punti: vacilla la Milano berlusconiana

Pisapia festeggia, la Moratti no MILANO -- Sei punti e mezzo di distacco al primo turno proprio non se li ...

Pdl Cologno: dopo la batosta il coordinamento “scarica” Resmini

Agostino Resmini COLOGNO AL SERIO -- Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato da parte del coordinamento comunale del ...