iscrizionenewslettergif
Politica

Pisapia in vantaggio a Milano: il centrodestra trema

Di Redazione16 maggio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giuliano Pisapia e Letizia Moratti

Giuliano Pisapia e Letizia Moratti

MILANO — Sarà tutt’altro che una passeggiata quest’elezione a Milano per Letizia Moratti. Le proiezioni divergono ancora: chi la dà in vantaggio chi in svantaggio sul candidato del centrosinistra Pisapia. Di certo il sindaco uscente non vincerà al primo turno, nonostante gli auspici di Berlusconi. E già questo è clamoroso calcolando che parliamo delle città roccaforte del Pdl per eccellenza.

Tra le quattro grandi città su cui sono accesi i riflettori in questa tornata elettorale, solo a Torino il candidato del centrosinistra Piero Fassino, ce la farà al primo turno. Questo è infatti il verdetto che emerge da tutte le proiezioni uscite finora che lo vedono vincente al primo turno, seppure con percentuali diverse.

Ma è Milano a preoccupare il centrodestra. Le proiezioni di voto infatti, indicano il candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia sarebbe in testa, con quasi 4 punti percentuali, rispetto alla Moratti. Il vantaggio di Pisapia sarebbe di 1 punto, secondo Ipr, ma di quasi 4 punti secondo Piepoli. Bologna e Napoli sarebbero invece destinate al ballottaggio.

Nella prima il candidato del centrosinistra Virginio Merola si fermerebbe, a sorpresa, al 47 per cento e dovrà vedersela al ballottaggio con lo sfidante, per la prima volta un leghista nella “rossa” Bologna. A Napoli tutte le proiezioni concordano sul ballottaggio tra il candidato del centrodestra Gianni Lettieri e quello dell’Idv Luigi De Magistris. Rimane fuori il candidato del centrosinistra, il prefetto Morcone.

Milesi vince ancora a San Pellegrino

milesi SAN PELLEGRINO -- La lunga esperienza politica, la militanza di anni, i buoni rapporti con ...

La Lega perde il feudo di Sant’Omobono: Dolci sconfigge la Frosio

Sant'Omobono SANT'OMOBONO -- Non è bastato alla Lega presentare un nome illustre. Il Carroccio perde clamorosamente ...