iscrizionenewslettergif
Sport

Doni: Colantuono è un leader dello spogliatoio

Di Redazione8 maggio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cristiano Doni

Cristiano Doni

BERGAMO — “Certi traguardi non si ottengono solo con la tecnica. Serve cuore, servono grinta e tanta voglia: ne ho tanta, ne avrò sempre anche quando smetterò di giocare ma davvero adesso non ho idea di cosa accadrà: ogni tanto faccio fatica, ci penso e presto parlerò con al società”.

Cristiano Doni è talmente felice che non riesce nemmeno a guardare troppo avanti. Lo senti sulla pelle, ascolti le sue risposte e il dubbio che lo pervade è sincero: giocherà ancora? Tra poco sapremo ma è indubbio che uno così, un giocatore del suo livello, può ancora dire la sua. E parlando della cavalcata appena conclusa è emblematico sentire come ad un certo punto, il capitano, ha cercato risposte dal suo gruppo.

“Contro il Padova, in quella vittoria, ho capito che forse davvero avevamo gli attributi. La grinta, la voglia che serve per vincere un campionato come la serie B centrando la promozione. Ogni tanto qualche dubbio mi è venuto, però certi segnali ti fanno capire che ci sei”.

Se del suo futuro non parla, Doni si sbilancia su Stefano Colantuono e le sue parole pesano come macigni sul futuro immediato della panchina orobica. “Colantuono è il gruppo, questo allenatore nello spogliatoio è un leader e ha tutto sotto controllo. Non scende in campo ma ha lavorato veramente bene”.

Fabio Gennari

Spagnolo: pensiamo a costruire l’Atalanta dei prossimi 10 anni

Il direttore generale Roberto Spagnolo BERGAMO -- "Ci era stato chiesto di salire subito, abbiamo centrato l'obiettivo e posso dire ...

Dallo stadio a Piazza Vecchia: la lunga notte della Dea

L'arrivo di Antonio Percassi alla Taverna Colleoni BERGAMO -- Al fischio finale, in campo è esplosa la festa. Nello spogliatoio sono volati ...