iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Sport

Atalanta, pareggio importante: a Crotone finisce 2-2

Di Redazione22 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cristiano Doni

Cristiano Doni

CROTONE – Pareggio ricco di emozioni allo stadio Scida di Crotone per l’Atalanta ma se qualcuno storcesse il naso per l’andamento del match (Dea in vantaggio che poi viene rimontata e alla fine torna ancora avanti) suggeriamo di osservare cosa succede altrove: grazie all’impresa senese del Portogruaro e al successo della Reggina, i nerazzurri guadagnano ancor aun punticino sulla terza e trascorreranno la pasqua a + 11 su Varese e Novara.

Stefano Colantuono conferma le indiscrezioni della vigilia optando per il turnover pesante. Barreto e Ferreira Pinto vanno in panchina, Delvecchio affianca Carmona al centro con Padoin spostato a destra e Doni sulla fascia opposta; Ferri è preferito a Raimondi, Bjelanovic è titolare con Tiribocchi e in tribuna finisce ancor auna volta Pettinari che continua a vivere una stagione da oggetto misterioso.

Buona partenza dei nerazzurri, un paio di scambi al limite vedono protagonista Bjelanovic che al 3’ gira di testa debolmente tra le braccia di Bindi mentre al 5’ è Tiribocchi a scappare in velocità in area: destro repentino e respinta in angolo di Vinetot.

Gli avanti del Crotone sono molto mobili e al 6’ è bravo Cutolo a liberare il destro costringendo Consigli alla prima accovacciata della serata. Nonostante la verve dei giocatori di casa, l’Atalanta continua a condurre le danze davanti alla trentina di supporters arrivati da Bergamo e al 17’ i nerazzurri costruiscono la prima vera palla gol della partita: cross di Bellini, stacco perfetto di Bjelanovic al centro con il pallone che va ad incrociare verso il primo palo ma sfila sul fondo di mezzo metro alla destra di Bindi.

Nel momento in cui la partita pareva passare nelle mani del Crotone arriva l’episodio che non ti aspetti, l’erorre che spacca il risultato: scorrimento laterale, il terzino di casa Correia sbaglia un controllo banale e Cristiano Doni si inserisce subito dando vita al contropiede che libera in area Tiribocchi (28’) per il destro vincente che vale lo 0-1.

La Dea sulle ali del vantaggio spinge forte, al 34’ Doni pennella un altro gran pallone per Bjelanovic che gira a colpo sicuro trovando il miracolo di Bindi in tuffo: nemmeno il tempo di annotare l’occasione che arriva il pareggio della squadra di casa con Cutolo al 36’ bravissimo a controllare in area il cross di De Giorgio (c’era un fallo su Peluso da parte di Djuric non fischiato) eludendo l’intervento di Bellini prima di battere Consigli sul suo palo.

Lo spauracchio crotonese Cutolo poco prima del riposo disegna sul terreno dello Scida una di quelle giocate che se andassero in scena su altri palcoscenici se ne parlerebbe per settimane: 44’ minuto, palla sulla destra del Crotone, il capitano rossoblù salta Bellini senza problemi e dopo alcuni metri scarica un sinistro a giro sul palo lontano che bacia la faccia interna dell’incrocio e gonfia la rete facendo esplodere lo Scida.

Nella ripresa i nerazzurri ci provano subito con Tiribocchi (46’) che intercetta al volo la spizzata di Bjelanovic e calcia di destro: Bindi controlla il rimbalzo e ferma in presa sicura.

Colantuono decide di cambiare modulo, Doni si muove dietro le punte nel rombo già visto in altre occasioni e la squadra ne guadagna: quattro angoli in rapida successione ed una punizione proprio del capitano (53’) finisce all’incrocio dei pali per il meritato 2-2.

Al 56’ il Crotone con De Giorgio sfiora il 3-2 (splendida la parata di Consigli) e la gara diventa davvero bella perchè le due squadre si affrontano a viso aperto senza soluzione di continuità: Barreto per Delvecchio è la prima mossa di Colantuono, dopo un giallo pesante a Doni (a Livorno non ci sarà così come Padoin) il Crotone si presenta ancora dlale parti di Consigli con la punizione di Loviso (69’) ma la palombella dai 25 metri trova l’ottima risposta del portiere orobico che mette in angolo. Al 79’ altra ottima parata di Consigli che sulla conclusione al volo di Loviso si distende alla sua sinistra e mette in calcio d’angolo.

All’83’ standing ovation per capitan Cutolo che lascia il posto a Parfait, nella fase finale i bergamaschi ci provano e quando segna la Reggina al Granillo il pareggio dello Scida assume un sapore decisamente diverso: quando anche il Portogruaro gonfia per due volte la rete dello stadio di Siena, i sorrisi diventano totali e i punti di vantaggio sulla terze salgono a 11. Con cinque gare da giocare.

 

 

CROTONE – ATALANTA 2-2

Reti: 29’ Tiribocchi(A), 36’ e 44’ Cutolo(C), 54’ Doni(A)

CROTONE: Bindi, Correia, Vinetot, Abruzzese, Crescenzi, Eramo, Loviso, Calil, De Giorgio, Cutolo (83’ Parfait), Djuric. All. Menichini

ATALANTA: Consigli, Ferri (77’ Raimondi), Troest, Peluso, Bellini, Padoin, Carmona, Delvecchio (54’ Barreto), Doni, Tiribocchi (70’ Marilungo), Bjelanovic. All. Colantuono

Ammoniti: Carmona(A), Padoin(A), Eramo(C), Crescenzi(C), Doni(A), De Giorgio(C)

Fabio Gennari

 

Colantuono: a Crotone giocano Bjelanovic e Tir

Stefano Colantuono ZINGONIA -- "Mister, a Crotone vedremo lo stesso attacco di Torino?". La prima domanda per ...

Consigli croce e delizia, Doni bomber eterno

Andrea Consigli CROTONE – Andrea Consigli croce e delizia. Prima l’errore decisivo in occasione del 2-1 di ...