iscrizionenewslettergif
Bergamo

Febbre da gioco: sono 7000 le slot machines a Bergamo

Di Redazione19 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Sono 7000 le slot machines a Bergamo e provincia

Sono 7000 le slot machines a Bergamo e provincia

BERGAMO — A Bergamo ci sono 7000 slot machines, cresciute del 40 per cento nell’ultimo anno. Il che proietta la nostra provincia fra le principali in Italia per il mercato dei giochi. Lo sostiene una ricerca effettuata dal Sole24ore su dati forniti dai monopoli di Stato e da Agicos (Agenzia giornalistica concorsi e scommesse).

Secondo i risultati, il 2010 è stato un altro anno record per il mercato dei giochi in Italia. Lo scorso anno gli italiani per tentare la fortuna hanno speso qualcosa come oltre 60,8 miliardi di euro, una cifra in aumento dell’11,8 per cento rispetto ai 54,4 miliardi spesi nel 2009. In pratica ogni italiano avrà speso a fine anno oltre 1000 euro nel settore del gioco. Bergamo è sopra la media, con 1283 euro. Siamo all’undicesimo posto in Italia: al primo c’è Pavia con oltre 1800 euro.

Si tratta di un dato pro capite che pone l’Italia fra i primi 3 paesi al mondo in questa speciale graduatoria. Sorride anche l’Erario, visto che il prelievo fiscale complessivo è di 8,8 miliardi di euro.

In termini percentuale, la crescita più elevata è stata ad appannaggio degli Skill Games (i cosiddetti giochi di abilità su internet, la cui raccolta è fatta al 95 per cento dal poker online) che sono passati dai 2,3 miliardi del 2009 ai 3,1 del 2010, con un aumento del 33,9 per cento. Seguono il Bingo, che, grazie alla riduzione del prelievo fiscale, chiude il 2010 con un +26,5 per cento e con incassi per oltre 1,9 miliardi e le NewSlot che hanno raccolto oltre 30,3 miliardi (+18,9% rispetto ai 25,5 miliardi del 2009), vale a dire il 49% dell’intero comparto.

Confermano il trend negativo le scommesse ippiche, che perdono il 12,3 per cento con una raccolta di poco superiore agli 1,7 miliardi. Segno negativo anche per i concorsi numerici, SuperEnalotto e Win For Life, calati del 6,6 per cento (con incassi per 3,5 miliardi) e il Lotto (-5,3 per cento, 5,6 miliardi di raccolta). Per il Lotto, però, va detto che nella seconda metà del 2010 ha dato forti segni di ripresa, soprattutto grazie al nuovo 10eLotto con estrazioni effettuate ogni 5 minuti.

Stabili Lotterie e Gratta e Vinci (9,4 miliardi, -0,2%), mentre crescono dell’8,5 per cento i giochi a base sportiva (vale a dire scommesse, Totocalcio e Totogol) con incassi per oltre 4,5 miliardi di euro.

E’ morto Gervasio Chiari, “papà” del Cicciobello

Il Cicciobello BERGAMO -- E' morto domenica agli Ospedali Riuniti di Bergamo uno dei personaggi più famosi ...

Camionista non tira il freno a mano e il tir lo travolge

L'ambulanza BERGAMO -- Un altro incredibile incidente, a pochi giorni da quello che è costato la ...