iscrizionenewslettergif
Primo Piano

Con l’Expo 2,5 milioni di passeggeri su Milano e Bergamo

Di Redazione14 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'aeroporto di Orio al Serio

L'aeroporto di Orio al Serio

BERGAMO — “Il sistema aeroportuale milanese, compreso Bergamo, è in grado di reggere i 2,5 milioni di passeggeri che ci attendiamo per l’Expo”. Lo ha detto il presidente della Sea, la società di gestione degli scali di Malpensa e Linate, e azionista di Orio al Serio, Giuseppe Bonomi in un’audizione alla commissione territorio della Regione.

“Il sistema aeroportuale milanese è all’altezza di un evento come l’Expo” ha assicurato Bonomi. Alla domanda del consigliere Udc, Enrico Marcora, se il sistema aeroportuale sia adeguato per l’Expo, Bonomi ha risposto: “Sicuramente sì. La stima è di circa 2,5 milioni di passeggeri sui nostri aeroporti, compreso Bergamo. E’ una quota di traffico che possiamo gestire efficacemente. Il problema è legato alla situazione in cui versano le sue infrastrutture”.

La Sea si augura che la piattaforma industriale, necessaria per dare vita a un sistema aeroportuale del Nord tra Milano, Verona, Brescia e Bergamo, possa nascere prima della sua quotazione in Borsa. “Avere una piattaforma industriale è una delle condizioni per dare vita a un sistema aeroportuale da cui si possano trarre sinergie apprezzabili. Mi auguro che questa piattaforma possa nascere prima della quotazione in Borsa di Sea”, ha detto Bonomi.

“Con Sea quotata, le operazioni di integrazione societaria sono più difficili, non impossibili, ma più complicate” ha aggiunto il presidente degli aeroporti milanesi. L’ipotesi di un sistema di collegamento tra i quattro aeroporti del Norditalia è da tempo oggetto di discussione da parte delle società che gestiscono i rispettivi scali.

“Dal punto di vista industriale su questa integrazione siamo già pronti con i colleghi di Verona, Bergamo e Brescia. Altra cosa è l’aspetto societario, dove non sono le aziende a dover decidere, ma i loro azionisti”, ha messo in chiaro Bonomi.

Il presidente di Sea ha parlato anche di un’altra condizione per dare vita ad un sistema aeroportuale del Nord: “Andare avanti per costruire un sistema di mobilità che meglio connetta e metta in rete questi aeroporti”.

Quanto alla data del possibile sbarco a Piazza Affari, Bonomi ha confermato che sarà “fra ottobre e novembre”. Nessuna indicazione invece sulla quota portata sul listino: “Vedremo – ha detto – anche perché sarà tutto in aumento di capitale”.

I commercialisti crescono ancora: superata quota 1560

Alberto Carrara BERGAMO -- Oltre 50 eventi formativi in più rispetto al 2009, incentivi per i giovani, ...

Divorzio facile, ottomila coppie italiane vanno all’estero

Per il divorzio facile gli italiani scelgono l'estero BERGAMO -- In Italia bisogna attendere almeno 4 anni se si procede consensualmente nelle due ...