iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Sport

Colantuono: vittoria pesante, il presidente festeggiava come un bambino

Di Redazione12 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Stefano Colantuono

Stefano Colantuono

MODENA — “E’ stata una vittoria bella come tante altre. Alla fine forse ci credevano in pochi, dopo l’1-0 sinceramente anche io sono rimasto un po’ stupito: sembrava avessimo smesso di giocare, non riuscivamo a venire fuori. Nel finale il pari ci ha svegliati di nuovo, andando a vincere: siamo così, mica tanto normali”.

Eccolo, il mister imbattibile. L’uomo che da 18 giornate 18 conquista punti e scala posizioni, l’allenatore che nel 2011 non ha perso nessuna gara. Dopo la vittoria dei suoi ragazzi sul campo di Modena, il tecnico atalantino ha sottolineato la prova dei singoli senza dimenticare i meriti di tutto il gruppo.

“Bjelanovic ha fatto un gol molto importante nei 10 minuti che gli ho dato: volevo metterlo prima ma avevamo Bellini che non stava bene e Capelli diffidato quindi ho preferito aspettare. Sono contento, il gol che sbagliò contro il Novara lo aveva colpito molto e oggi si è riscattato in pieno”.

Ma quindi possiamo mettere in fresco le bottiglie buone? E’ una vittoria da Serie A?

“La matematica ci dice che assolutamente non dobbiamo mollare, si deve restare sempre in palla ma diciamo che la gabbietta allo champagne possiamo levarla: per stappare le bottiglie aspettiamo un altro po’”.

La chiosa del tecnico romano della Dea fotografa al meglio un successo così importante e le valutazioni espresse sui mesi vissuti a Zingonia sono perfino commoventi.

“Partita tosta, come a Torino. Sono le vittorie classiche che ottieni in serie B: contrasti, tanta lotta e giocate buone ma anche altre magari sballate. Questa squadra ha valori importanti e credo che anche questa volta siano venuti fuori. Ho parlato ai ragazzi stamattina, sono 9 mesi che ogni settimana ci alleniamo con il piede pigiato sull’acceleratore e non so più nemmeno io come andare a motivare il gruppo sempre di più. Scusateci se qualche volta non saremo stati perfetti, ci sono stati momenti difficili ma ci siamo fatti un gran mazzo: i giocatori sono contentissimi, il Presidente nello spogliatoio festeggiava come un bambino”.

 

 

Fabio Gennari

Modena-Atalanta, i 43 scatti del trionfo nerazzurro

Gioia orobica MODENA -- Guardate i volti degli eroi nerazzurri. Ci sono tutti, esultano e sorridono davanti ...

Ruopolo: gol dedicato alla mia futura moglie Giulia

Il gol di Francesco Ruopolo MODENA -- "Ho pensato che l'unico modo per fare gol era tentare con il tacco: ...