iscrizionenewslettergif
Politica

La Marcegaglia “respinge” Berlusconi: a Bergamo non voglio politici

Di Redazione11 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Emma Marcegaglia e Silvio Berlusconi

Emma Marcegaglia e Silvio Berlusconi

BERGAMO — “All’assise di Bergamo del 7 maggio prossimo non ci saranno rappresentanti del governo perché sarà solo una grande adunata di imprenditori”. A precisarlo è il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia che a margine dell’assemblea degli industriali di Lecco spiega come “nei momenti storici complessi le assise sono adunate di imprenditori a porte chiuse senza politici, per discutere quello che vogliamo da noi stessi, dai sindacati e anche dalla politica”.

Chi era il destinatario del messaggio? Come mai la presidentessa degli industriali, di punta in bianco, se ne esce con una frase simile e mette le mani avanti? Il retroscena è presto spiegato. Semplicemente perché, come reso noto da Bergamosera la settimana scorsa, all’assemblea di Bergamo del 7 maggio prossimo avrebbe dovuto partecipare anche Silvio Berlusconi, che a questo punto si trova la strada sbarrata. La Marcegaglia non vuole porgere il fianco e concedere al premier un palcoscenico mediatico gratuito da cui, presumibilmente, tessere le lodi e i meriti del suo governo a pochi giorni dalle elezioni amministrative del 16-17 maggio. Per questo chiude le porte alla partecipazione di politici.

“A Bergamo non daremo solo un’agenda politica – ha proseguito Marcegaglia- ma parleremo anche di noi stessi, di quali sono le cose che le imprese devono fare, quello che deve fare Confindustria e quello che devono fare anche i sindacati per le relazioni industriali. Il tema non è solo quello di protestare rispetto alle cose non fatte ma una vera assunzione di responsabilita’ nel dire: facciamo un’analisi ampia, cerchiamo di capire perché questo paese non cresce. Poi -ha concluso- ognuno deve fare la propria parte e giustamente anche gli imprenditori”.

Un atteggiamento contraddittorio e poco pragmatico quello della presidentessa degli Industriali. Il giorno prima in un’intervista al Corriere dichiara che gli “imprenditori sono soli e abbandonati”, il giorno dopo invece isola la sua confederazione dicendo non vuole rappresentanti del governo alla grande adunata degli imprenditori. Uno sgarbo istituzionale, ma prima ancora un assist involontario al premier che potrà tacciare Confindustria di scarsa collaborazione sulla politica economica del paese. Un capolavoro, davvero…

LEGGI ANCHE
Berlusconi a Bergamo per l’assemblea di Confindustria
Montezemolo con la Marcegaglia: a Bergamo assemblea chiusa (a Berlusconi)

Montezemolo: a Bergamo assemblea chiusa (a Berlusconi)

Luca Cordero di Montezemolo BERGAMO -- Come se non bastassero le dichiarazioni della presidentessa di Confindustria Emma Marcegaglia ...

Processo Berlusconi: Pdl Bergamo in prima linea

Il coordinatore del Pdl di Bergamo Carlo Saffioti MILANO -- Sono arrivati in massa per dire no al processo, a sentir loro tutto ...