iscrizionenewslettergif
Poesie

“Eulalia” di Edgar Allan Poe

Di Redazione5 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Dimorai solitario
in un mondo di pianto
e la mia anima era stagnante acqua,
finchè Eulalia gentile e bella divenne la mia sposa in rossore
finchè Eulalia dai capelli d’oro divenne la mia sposa in sorriso.
Ah, meno assai lucenti
le stelle notturne
che gli occhi della raggiante ragazza!
e mai un fiocco
che la bruma forma
con tinte porpuree e perlate di luna
possono col più negletto ricciolo della modesta Eulalia
possono col più umile e incondito ricciolo di Eulalia occhi lucenti aver paragone.
Or Dubbio or Pena
mai più ritornano,
perché la sua anima mi rende sospiro per sospiro,
e lungo il giorno
splende luminosa e forte
Astarte in cielo,
mentre la cara Eulalia a lei volge e rivolge il suo occhio di matrona
mentre lei alla giovine Eulalia volge il suo occhio viola.

“La vita” di Antonia Pozzi

MG_6927 Alle soglie d'autunno in un tramonto muto scopri l'onda del tempo e la tua resa segreta come di ramo in ...

“Linfe” di Mario Luzi

Vendemmia Quiete, maturità impende dal cielo. Non più io, sono gli alberi felici che parlano e le rose ...