iscrizionenewslettergif
Bergamo

Esilio finito, il Bocia torna a casa con l’obbligo di dimora

Di Redazione3 aprile 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Claudio "Bocia" Galimberti

Claudio "Bocia" Galimberti

BERGAMO — E’ durato poco meno di due mesi l’esilio di Claudio “Bocia” Galimberti. Il leader degli ultras nerazzurri, dall’8 febbraio scorso, era costretto a stare lontano dalla provincia bergamasca a causa delle gravi accuse che la procura gli muoveva.

Secondo l’ordinanza depositata al Tribunale di Brescia, la misura cautelare decisa dal Riesame in accoglimento della richiesta del legale Andrea Pezzotta prevede l’obbligo di dimora per il Bocia a Bergamo con il divieto di uscire dalla propria abitazione durante le partite dell’Atalanta.

Terminato quindi il pellegrinaggio dell’ultras più conosciuto della Curva Nord bergamasca, ospitato in diverse parti d’Italia Galimberti può tornare a Bergamo pur rimanendo a suo carico le accuse già contestate tra cui l’associazione a delinquere.

Fabio Gennari

Finalmente la primavera: fine settimana con il bel tempo

Bergamo Alta BERGAMO -- Sarà un fine settimana decisamente piacevole sul versante meteo. Le previsioni indicano bel ...

Aeroporto: confermata la certificazione di qualità dei servizi

L'aeroporto di Orio al Serio BERGAMO -- La Sacbo, società di gestione dell'aeroporto di Orio al Serio, ha ottenuto il ...