iscrizionenewslettergif
Politica

Indegno pollaio in parlamento (video)

Di Redazione31 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Fini cerca invano di tenere l'ordine alla Camera

Fini cerca invano di tenere l'ordine alla Camera

ROMA — E’ successo di tutto anche quest’oggi alla Camera dei deputati dove era in discussione l’esame del testo sul processo breve. La proposta del Pdl di far slittare a martedì prossimo la discussione sulla riforma dei processi è stata approvata pressoché all’unanimità. Tuttavia nelle ore antecedenti si è toccato davvero il fondo e se è possibile si è andati anche più sotto. Sono volate come ieri parole grosse e se ne sono viste di tutti i colori, con il ministro Alfano che ha lanciato la tessera contro ltalia dei Valori e il presidente della Camera Fini che è stato colpito da un giornale lanciato da un esponente del Pdl, ed è stata insultata persino una deputata disabile del Pd.

Insomma, più che l’aula parlamentare sembrava un ring. Una gazzarra indegna e del tutto impossibile da controllare. Un pollaio dove galli inferociti si spennano a vicenda. Inqualificabile il giornale che un deputato piediellino ha scagliato contro il presidente Fini, colpito alla testa. L’aspirante lanciatore alle Olimpiadi della cafoneria, è stato individuato dal presidente della Camera con cui ha scambiato battute al vetriolo mentre dai banchi del Pdl piovevano all’indirizzo di Fini le urla: “Dimissioni, dimissioni”.

La tensione, altissima, ha giocato un brutto scherzo anche al ministro della Giustizia Angelino Alfano che, alla chiusura del voto sul processo verbale Alfano, secondo quanto riferito dal leader dell’Idv, ha gettato la sua tessera della Camera contro i banchi degli uomini di Di Pietro.

“E’ stato un gesto irresponsabile, immorale, illegittimo da parte del portantino di Berlusconi”, ha replicato Di Pietro davanti alle telecamere, mostrando il tesserino di Alfano. “Lo denuncerò al presidente della Camera” ha aggiunto l’ex pm stigmatizzando “lo spregio e il disprezzo del ministro nei confronti del Parlamento”. Disprezzo tale che, conclude Di Pietro, “mi fa chiedere le immediate dimissioni del ministro”.

Stucchi: indegno il comportamento dell’Ue sugli immigrati

Giacomo Stucchi ROMA -- "Anziché dare addosso al Premier, per aver detto di aver comprato casa a ...

Sondaggi: l’emergenza clandestini può togliere 3 punti alla Lega

Umberto Bossi MILANO -- L'invasione di clandestini dal Nordafrica potrebbe costare cara, in termini di consenso elettorale, ...