iscrizionenewslettergif
Sport

Paolo Maldini rinviato a giudizio per corruzione

Di Redazione28 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Paolo Maldini ai tempi del Milan

Paolo Maldini ai tempi del Milan

MILANO — Dovrà giocare la sua partita più difficile, contro la giustizia italiana. L’ex terzino del Milan e “bandiera” rossonera e della nazionale Paolo Maldini è stato rinviato a giudizio con le accuse di corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare di Milano, Luigi Varanelli.

Secondo l’accusa, Maldini avrebbe dato soldi a un funzionario dell’Agenzia delle Entrate per aggirare i controlli fiscali. Inoltre si sarebbe affidato allo stesso per effettuare una verifica illecita relativa a un’operazione immobiliare che voleva portare a termine in Toscana.

L’ex giocatore era presente in tribunale a Milano, quando il giudice per l’udienza preliminare ha letto la sua ordinanza. A pochi metri di distanza intanto, sempre a Palazzo di Giustizia, il presidente del Consiglio e del Milan Silvio Berlusconi si presentava all’udienza per il processo Mediatrade che lo vede imputato.

L’Albinoleffe stritola il Novara: 3-1 e l’Atalanta ringrazia

L'esultanza di Bergamelli BERGAMO -- In tanti, si aspettavano il capolavoro. Un capolavoro targato Mondonico. E il tecnico ...

Ruopolo: a Pasqua con questo vantaggio? Sarebbe fantastico

Francesco Ruopolo ZINGONIA -- Nel giorno della ripresa degli allenamenti a Zingonia dopo il pareggio sul campo ...