iscrizionenewslettergif
Editoriali

Yara, quella singolare ricerca di volontari del dna

Di Redazione25 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Yara Gambirasio

Yara Gambirasio

La notizia, così come è stata data, fa davvero pensare. Secondo quanto riportano da alcuni quotidiani questa mattina, il pubblico ministero Letizia Ruggeri, titolare dell’inchiesta sull’omicidio di Yara Gambirasio, avrebbe dichiarato ai giornalisti che la tormentavano che “chi lo desidera può sottoporsi volontariamente al test del Dna rivolgendosi ai carabinieri o alla questura”. Volontariamente?

Potremmo sbagliare, ma a memoria d’uomo non c’è mai stato nel crimine mondiale un assassino che si sia presentato spontaneamente a consegnare il proprio codice genetico agli investigatori. Se ci fosse, ne siamo certi, passerebbe alla storia (con quale “titolo” stabilitelo voi).

Non conosciamo i motivi di una simile uscita da parte della pur brava Ruggeri. E tanto meno ci spingiamo a immaginare cosa stia organizzando la procura per risolvere il caso. Confidiamo che dietro la richiesta ci sia una linea investigativa ben precisa. Tuttavia siamo dell’opinione che una donazione di dna allargata, su base volontaria, possa occupare per giorni e giorni esperti, genetisti e investigatori, con il rischio di distrarli da particolari più importanti e circostanziati o soggetti più interessanti ai fini dell’indagine.

Gli inviti alla collaborazione, per carità, sono sempre utili. Si può persino procedere per esclusione, magari partendo dal milione di persone che abitano la provincia bergamasca (di più se il killer è forestiero). Ma cercare di ottenere risultati preziosi per l’indagine da una donazione volontaria di dna, francamente, è come sperare che qualcuno consegni, con tante scuse, il coltello del delitto…

Indagine su Atalanta-Piacenza? Nessuna conferma ufficiale

Il Tabellone del Comunale BERGAMO -- Certe situazioni sono più grottesche che antipatiche. Nascono da mezze deduzioni, da ipotesi ...

Mister, è il momento di cambiare: l’Atalanta deve capire

Guido Marilungo BERGAMO – Dettagli? Macchè, importantissime verità. Padova – Atalanta, sedicesimo risultato utile consecutivo della truppa ...