iscrizionenewslettergif
Bergamo

Una coltellata alla gola: così è stato ucciso l’artigiano di Clusone

Di Redazione25 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri

I carabinieri

BERGAMO — L’autopsia ha dato un primo riscontro. Santo Barcella, l’artigiano edile di Clusone trovato cadavere nei giorni scorsi nei boschi sopra Gandino, è stato ferito a morte da una profonda coltellata alla gola.

L’esame autoptico è stato eseguito questa mattina agli Ospedali Riuniti di Bergamo dall’equipe di Antonio Osculati, medico legale dell’Università di Varese, alla presenza del magistrato che si coordina le indagini, Carmen Pugliese e dei carabinieri del Nucleo investigativo.

L’autopsia è durata circa due ore. Barcella, 70 anni, era stato trovato avvolto in un sacco nero. Al momento del ritrovamento il cadavere era in avanzato stato di decomposizione ed è stato riconosciuto solo tramite le iniziali sugli indumenti e l’orologio che aveva al polso. Dall’esame del corpo risulta evidente una sola ferita, quella al collo, mentre non sono stati trovati segni di altre armi. Dalla prima analisi non è stato possibile stabilire se l’artigiano sia stato ucciso nel bosco di Gandino o da qualche altre parte.

La relazione definitiva dei patologi è attesa fra 60 giorni. Nel frattempo il magistrato ha concesso il nulla osta ai funerali del poveretto.

Bimbo di 2 anni in strada: madre accusata di abbandono di minore

I carabinieri in azione BERGAMO -- Lo hanno trovato in strada in lacrime, sconvolto e agitato. E se non ...

Street parade: ragazzina finisce in coma etilico

Ragazze ubriache BERGAMO -- Quella che doveva essere una festa si è trasformata in una terribile disavventura ...