iscrizionenewslettergif
Bergamo

Sassi dal cavalcavia: il giardiniere incapace d’intendere e volere

Di Redazione24 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il tribunale di Bergamo

Il tribunale di Bergamo

BERGAMO — Totalmente incapace di intendere e volere. Mentre stava lanciando i sassi dal cavalcavia, il 32enne florovivaista di Almè arrestato il 5 gennaio scorso dagli agenti della polizia stradale di Seriate era del tutto fuori di senno. Lo ha stabilito la perizia psichiatrica disposta dal giudice per l’udienza preliminare Alberto Viti su richiesta dell’avvocato difensore dell’imputato Ettore Tacchini.

Il giardiniere era accusato di tentato omicidio per aver lanciato in due episodi distinti (il 3 e 4 gennaio) delle pietre contro alcune automobili dal cavalcavia dell’autostrada, a Stezzano. Il folle aveva danneggiato 13 macchine senza, per fortuna, causare alcun ferito.

Durante l’interrogatorio, l’uomo ha fornito un racconto confuso e strampalato. E ha sostenuto di sentirsi perseguitato da Berlusconi, dal papa e persino da Vladimir Putin e per trovare attenzione ha deciso di compiere un gesto eclatante.

L’esame psichiatrico è stato discusso mercoledì mattina, in sede di incidente probatorio, davanti al giudice. Gli atti ora tornano al pubblico ministero che, molto probabilmente, chiederà l’archiviazione. Nei prossimi giorni l’imputato verrà trasferito in un ospedale giudiziario.

Ordinanza del sindaco: multe da 500 euro a prostitute e clienti

Una prostituta BERGAMO -- L'allarme prostituzione in città è diventato troppo alto. E così il sindaco di ...

Yara, tramonta la pista della setta satanica

La questura di Bergamo BERGAMO -- Tramonta ormai definitivamente, sempre che sia mai stata valida, la pista del satanismo ...