iscrizionenewslettergif
Poesie

“Vastità di pini” di Pablo Neruda

Di Redazione23 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Ah vastità di pini, rumore di onde che si frangono,
lento gioco di luci, campana solitaria,
crepuscolo cadente dei tuoi occhi, battito,
conchiglia terrestre, in te la terra canta.
In te cantano i fiumi e là fugge l’anima mia
verso dove ami, secondo il tuo volere.
Indica a me la via nel tuo arco di speranza
e scioglierò in delirio il mio fascio di dardi.
La tua cintura di nebbia vedo intorno a me
e il tuo silenzio insegue le mie ore in fuga,
e sei tu con le braccia di pietra trasparente
quella dove si ancorano i miei baci e la mia
umida ansia s’annida.
Ah la tua voce misteriosa che l’amore colora e piega
nell’imbrunire risonante e morente!
Così nelle ore profonde sopra i campi
vidi piegarsi le spighe nalla bocca del vento.

“Sai cos’è bello” di Alessandro Baricco

orme Sai cos'è bello, qui? Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia, e loro ...

“S’una fede amorosa” di Francesco Petrarca

2044922363_c6fb9eff52 S'una fede amorosa, un cor non finto, un languir dolce, un desïar cortese; s'oneste voglie in gentil ...