iscrizionenewslettergif
I grandi fatti

Pioggia di bombe sulla Libia. La Russa: pronti 8 aerei italiani

Di Redazione20 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Missili Tomahawk dalle unità navali americane nel Mediterraneo

Missili Tomahawk dalle unità navali americane nel Mediterraneo

TRIPOLI, Libia — Raid su Tripoli fino all’alba; una base aerea colpita da 40 bombe sganciate dagli stealth, gli aerei Usa “invisibili” ai radar; nuove incursioni aeree francesi. Sono le nuove azioni dell’operazione militare Odyssey Dawn della coalizione internazionale.

Nella notte si sono susseguiti attacchi dal cielo e dal mare sulle coste del Paese nordafricano, colpito da una pioggia di missili per costringere Muammar Gheddafi al “cessate il fuoco”. I bombardamenti contro gli obiettivi militari del Colonnello, brevemente sospesi domenica mattina sia a Tripoli che a Bengasi, sono ricominciati. Intanto, in uno nuovo messaggio trasmesso dalla tv di Stato, il Raìs ha fatto sapere che il popolo libico è pronto «ad una guerra lunga».

Un non meglio precisato aeroporto libico è stato attaccato da bombardieri stealth B-2 Spirit, aerei Usa invisibili ai radar che hanno sganciato 40 bombe. Secondo la stampa inglese, inoltre, tra gli obiettivi colpiti nei primi raid di «Odyssey Dawn» ci sarebbe un aeroporto vicino a Tripoli usato per i voli dei fedelissimi del regime, preso di mira proprio per impedire agli uomini di Gheddafi di fuggire.

Nuovi raid aerei compiuti intorno a Bengasi (che si era lentamente ripopolata in mattinata) hanno distrutto decine di mezzi del Colonnello e 19 caccia americani, stealth compresi, sono stati impiegati contro le truppe del leader libico e le difese aeree del Raìs, colpendo obiettivi a Tripoli e a Misurata.

Intanto sale il bilancio delle vittime: 90 negli attacchi del Rais a Bengasi, oltre 60 quelle dei raid della coalizione. Oltre alle sette basi, l’Italia ha messo anche otto aerei a disposizione della coalizione che sta intervenendo in Libia. Ospite di Lucia Annunziata su Raitre, Ignazio La Russa ha spiegato che i velivoli “si aggiungono agli altri assetti forniti dalle altre nazioni che partecipano e da oggi compiranno le loro azioni sotto un unico comando che è a Napoli”.

Intanto il Gheddafi minaccia il nostro paese: “L’Italia ha tradito la Libia e il suo popolo” ha detto durante il suo messaggio alla Tv di Stato libica. “Italia, sei traditrice”, ha affermato Gheddafi che ha esplicitamente accusato di tradimento anche la Gran Bretagna, la Francia e gli Stati Uniti.

Il governo libico ha cominciato a distribuire armi a più di un milione di persone e terminerà l’operazione entro poche ore, riferisce l’agenzia libica Jana citando fonti della Difesa di Tripoli.

Annuncio dagli Usa: creata in laboratorio la vita “artificiale”

Due cellule sintetiche al microscopio elettronico WASHINGTON, Usa -- Il risultato, qualora confermato, è sorprendente quanto inquietante: l'uomo è riuscito a ...

Attacco alla Libia: Tornado italiani in azione

Un Tornado in azione ROMA -- Ancora bombe e missili sulla Libia nel secondo giorno dell'operazione "Odissey Dawn" della ...