iscrizionenewslettergif
Politica

Treviglio, contrordine nel Pdl: fuori Pezzoni salgono le quotazioni di Mangano

Di Redazione16 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Basilio Mangano

Basilio Mangano fra Pietro Macconi e Gianni Alemanno

TREVIGLIO — Fino a poche ore fa era il candidato prescelto dal Popolo della Libertà per correre a Treviglio. Ma la mosse della Lega hanno spinto il Pdl bergamasco a cambiare cavallo tanto che Giuseppe Pezzoni, autorevole presidente della Fondazione Mia, fino a ieri in corsa per la poltrona di primo cittadino nel centro della Bassa, è dato per “bruciato”.

Buon candidato in un’ipotesi di coalizione, Pezzoni non va più bene ora che il partito di Berlusconi rischia una corsa in solitaria a Treviglio. Autorevole esponente del mondo cattolico, uomo molto vicino a quella parte della Curia che non si richiama a CL e che nella Bassa ha ancora un certo peso, Pezzoni era stato indicato dall’ex segretario di An e oggi assessore provinciale Mario Gandolfi, ma non dispiaceva anche al coordinatore del Pdl Carlo Saffioti e a Marco Pagnoncelli, oltre ai vertici regionali del partito.

Pezzoni aveva un gradimento abbastanza allargato grazie alle sue capacità, ma scontava il fatto di non essere trevigliese (è stato sindaco di Pagazzano) in una città dove questo aspetto conta ancora molto. E’ evidente che senza il Carroccio leghista a portare voti locali, la sua candidatura ha molto meno impatto sull’elettorato. Queste considerazioni avrebbero spinto il Pdl a riconsiderare le mosse.

E così dal cappello è rispuntato Basilio Mangano, anch’egli autorevolissimo esponente della destra, con un seguito consolidato da anni nella Bassa. Non un candidato di Forza Italia quindi, come auspicato da molti, ma un ex Alleanza Nazionale (come Pezzoni peraltro) che in caso di vittoria, farebbe il paio con Tentorio a Bergamo. Nei prossimi giorni Mangano dovrebbe incontrare Daniela Santanchè e Alessandra Gallone. Solo dopo l’incontro si capirà davvero se sarà lui il candidato del Pdl a Treviglio.

Scotti: serve moderazione, il Pdl non può permettersi una guerra interna

Carlo Scotti Foglieni BERGAMO -- Moderazione dei toni e dei contenuti, ricerca di possibili convergenze, evitare gli strappi. ...

Festa Unità d’Italia: Pirovano fischiato al Donizetti

Ettore Pirovano BERGAMO -- Che l'ambiente non fosse proprio ideale se lo aspettava, da uomo politico navigato ...