iscrizionenewslettergif
Lettere

Adolescenti: aiutiamo i “brutti anatroccoli” a diventare “cigni”

Di Redazione16 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Adolescenza, l'età terribile

Adolescenza, l'età terribile

Caro Direttore,

è posando il mio sguardo su un gruppo di adolescenti, apparentemente spensierati e belli, che riaffiorano alla mente ricordi di amici smarriti con un passato disastroso e distruttivo. Non c’è dolore oggi, nel ricordare l’impotenza, l’incapacità di dare aiuto allora, ma solo la grande consapevolezza di una gioventù bruciata, consumata , sfumata insieme all’alcol che l’ha accompagnata.

Adolescenza: periodo terribile dell’esistenza, passaggio maledetto attraverso una porta che sembra essere troppo stretta per essere varcata e vissuta, a volte, come un incubo perché ci si sente inadeguati, dove nell’immaginario collettivo giovanile sembrano esistere solo due categorie: quelle delle “fighe” e quelle dei “brutti anatroccoli”.

E’ in momenti come questi che in taluni nasce la necessità di essere diversi, di far parte di un gruppo, di essere “fighi”, non emarginati. E’ in momenti come questi che è molto facile lasciarsi andare, di cercare rifugio in surrogati che sembrano regalare momenti di potenza e di sicurezza. Consumare alcol o drogarsi, allontana solo momentaneamente da quella realtà che non piace, che fa soffrire, che rendi quasi nulli agli occhi degli altri, ma poi si trasformerà in un inferno che avvolgerà l’esistenza in fiamme infernali.

Oggi nella nostra veste di conferenzieri educatori (www.narcononsudeuropa.org) portiamo ai ragazzi ed ai loro insegnanti informazioni su droga ed alcol. Desideriamo soltanto metterli nella condizione ottimale di avere una corretta conoscenza, che non servono “veleni” (perché droga ed alcol questo sono) per credersi migliori.

I “brutti anatroccoli” esisteranno sempre, ma non troveranno sollievo e appagamento usando droghe, diventeranno dei “cigni” con l’aiuto di certezze e cognizione.

Pinuccia Cambieri

Brembate Sopra e il fotovoltaico a Parma: e ora chi paga le spese?

Un impianto fotovoltaico Egregio Direttore, sono un residente di Brembate Sopra. Domenica scorsa sulla stampa locale ha letto che ...

Stanca del “bar dello sport”, scelgo la Siliprandi

Le tre liste che sostengono Patrizia Siliprandi Egregio Direttore, sono una candidata della lista civica “Per Siliprandi”, mi chiamo Maria Enrica Ramelli, ed ...