iscrizionenewslettergif
Politica

Pirellone: suona l’inno nazionale e i leghisti vanno al bar

Di Redazione15 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I leghisti al bar del Pirellone

I leghisti al bar del Pirellone

MILANO — Il consiglio regionale lombardo ha aperto i lavori questa mattina cantando l’Inno di Mameli per celebrare i 150 anni dell’Unita d’Italia. Ma alla cerimonia non hanno partecipato i consiglieri della Lega che si sono riuniti nella bouvette del Pirellone.

L’unico esponente del Carroccio presente – per dovere istituzionale, ha precisato – è stato il presidente del Consiglio regionale Davide Boni che vestiva cravatta e fazzoletto verde. Boni ha seguito l’esecuzione dell’inno a braccia conserte e a testa bassa. Quasi tutti i consiglieri degli altri partiti mostravano una spilla tricolore sul bavero della giacca ed alcuni nel portavano nel taschino un fazzoletto bianco rosso e verde.

A dare il via all’inno e’ stato il presidente della Lombardia Roberto Formigoni che prima di entrare in aula si è detto dispiaciuto per la decisione presa dai consiglieri leghisti. “Settanta secondi di Inno di Mameli non fanno male a nessuno, sono un simnbolo importante di quello che siamo” ha commentato il governatore lombardo.

Provincia: riduzione oneri per i comuni in caso di calamità naturali

La Provincia di Bergamo BERGAMO -- E' stato approvato in consiglio provinciale l'ordine del giorno presentato dal Pdl che ...

Ruby, Berlusconi si difende: la mia fidanzata mi avrebbe cavato gli occhi

Silvio Berlusconi e amiche ROMA -- Berlusconi si difende dalle accuse della Procura di Milano, e per farlo tira ...