iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Economia

A Febbraio calo delle imprese registrate e attive a Bergamo

Di Redazione15 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Calo delle imprese registrate

Calano le imprese registrate

I dati diffusi ieri dalla Camera di Commercio di Bergamo sull’andamento dell’economia dicono che a fine febbraio 2011, nella nostra provincia, sono in calo su base mensile sia le imprese registrate (94.748, 175 in meno su gennaio pari al -0,2 per cento) sia quelle attive (85.963, 224 in meno, pari al -0,3 per cento).

Nel mese si sono iscritte 663 nuove imprese e ne sono state cancellate 847 (di cui 233 nell’edilizia, 170 nel commercio, 101 nelle attività manifatturiere). Nel confronto con lo stesso mese dell’anno precedente si osserva un calo delle iscrizioni: erano state 778 nel febbraio 2010, la variazione è quindi pari al -14,8 per cento. Sono invece in aumento le cessazioni (784 nel febbraio 2010), con una variazione del +8 per cento.

Il tasso di iscrizione nel mese (0,7 per cento) a Bergamo è uguale al dato nazionale e regionale; il tasso di cessazione (0,9) è invece di poco superiore al dato nazionale (0,8) e più elevato di quello lombardo (0,6). In Lombardia lo stock delle imprese registrate è aumentato nel mese di febbraio.

Il saldo della nati-mortalità è positivo per le società di capitale (+13) e per le società di persone (+40). La riduzione dello stock è determinata per intero dalle imprese individuali (-238) che, nel trimestre dicembre 2010-febbraio 2011, sono diminuite di 412 unità. Senza variazioni di rilievo la dinamica delle altre forme giuridiche.
Nel confronto su base annua lo stock di imprese attive è aumentato nel complesso del +0,6 per cento (in rallentamento rispetto al +0,9 della precedente rilevazione), con una dinamica più accentuata nelle altre forme giuridiche (+2,4), in gran parte cooperative, e nelle società di capitale (+2,1). Le imprese individuali operative sono cresciute del +0,4 per cento, mentre continua la contrazione (-1,2) delle società di persona.

Per quanto riguarda i settori economici, il segno negativo è presente nelle attività manifatturiere (-1 per cento, in peggioramento rispetto alla precedente rilevazione), nei trasporti (-0,4) e nell’agricoltura (-0,3) . Nell’edilizia situazione di stallo (+0,1).

Aumentano in modo netto – forse anche per l’attribuzione della codifica a posizioni che ne erano precedentemente sprovviste – le imprese nel settore delle utilities (energia, gas, acqua, gestione rifiuti), nella sanità, nell’istruzione e nelle attività ricreative.

Nei restanti settori la dinamica è molto positiva nei servizi alle imprese (+4,2 per cento), nelle attività professionali, scientifiche e tecniche (+3,1) e negli altri servizi (+3%), in prevalenza servizi alle persone. Variazioni positive (tra il +1 e il +2,5) si registrano nei servizi finanziari, di informazione e comunicazione, nelle attività immobiliari e nei servizi turistici e di ristorazione. Positiva anche la variazione delle imprese del commercio (+0,9) .

Aeroporto: a Ubi Banca piace la holding con Sea

Verso un maxipolo d'aeroporti del Nord BERGAMO -- In maxipolo aeroportuale del Nord Italia, che comprenda Malpensa, Linate, Bergamo, Brescia e ...

Rincari benzina: allarme degli autotrasportatori

I rincari della benzina BERGAMO -- Nuova emergenza nel settore degli autotrasporti. Le tensioni sui mercati energetici legati alle ...