iscrizionenewslettergif
Poesie

“Stelle di marzo” di Ingeborg Bachmann

Di Redazione10 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Ancora la semina è lontana. Si vedono
terreni inzuppati di pioggia e stelle di marzo.
Nella formula di pensieri infecondi
si configura l’universo seguendo l’esempio
della luce, che non sfiora la neve.
Sotto la neve ci sarà anche polvere
e, non disfatto, il futuro nutrimento
della polvere. Oh il vento che si leva!
Altri aratri dirompono l’oscurità.
Le giornate tendono a farsi più lunghe.
Nelle lunghe giornate, non richiesti,
veniamo seminati entro quei solchi storti
e diritti, e si eclissano stelle. Nei campi
prosperiamo o ci corrompiamo a caso,
docili alla pioggia, e infine anche alla luce.

“Il vegetale” di Sandro Penna

post-5-1141471103Lasciato ho gli animali con le loro mille mutevoli inutili forme. Respiro accanto a te, ...

“Ti riconobbi” di Juan Ramón Jiménez

06-29-2010-runner-color-03Ti riconobbi, perché guardando l'orma del tuo piede sul sentiero, sentii dolore al cuore che tu calpestasti. Corsi ...