iscrizionenewslettergif
Bergamo

Era drogato l’investitore dei due atleti della Pallanuoto Bergamo

Di Redazione10 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il terribile incidente

Il terribile incidente

BERGAMO — Si aggrava la posizione giudiziaria del 24enne che, a bordo di un Audi, domenica mattina intorno alle 5 ha travolto in autostrada la Fiat Stilo su cui viaggiavano due ragazzi della Pallanuoto Bergamo, uccidendoli. L’investitore non solo aveva bevuto ma dalle successive analisi è stato trovato positivo al test antidroga.

Suona ancora più amara la morte dei due atleti “bergamaschi” Nicolò Morena – originario di Mallare, in provincia di Savona – e Francesco Damonte – di Arenzano. L’investitore che li ha travolti è stato denunciato per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti oltre a quella in stato di ebbrezza (gli era stato trovato un tasso alcolemico di 0,80 g/l contro il limite di 0,5).

Il test dell’etilometro, a dire il vero, ha dato esito positivo anche per il ragazzo di 23 anni che era al volante della Stilo, uscito illeso dalla tremenda collisione tra i due mezzi. Per entrambi i giovani è scattato l’addebito per omicidio colposo.

Nel frattempo, su richiesta della società bergamasca Nuoto Bergamo Alta, la Federazione Italiana Nuoto ha accordato che in memoria dei due ragazzi le calottine numero 3 e 4 siano ritirate per tutta la stagione in corso, sostitute dalla 14 e 15.

LEGGI ANCHE
Scontro in autostrada: muoiono due ragazzi della Pallavolo Bergamo

Nuovi talenti: aperte le iscrizioni al concorso per popstar

Aperte le iscrizioni al concorso BERGAMO -- Giovani talenti e promettenti rockstar in erba, attenzione. Sono aperte le iscrizioni per ...

La nuova legge fa arrabbiare gli avvocati: sciopero dal 16 al 22 marzo

Il tribunale di Bergamo BERGAMO -- Contrari, in tutto e per tutto, alla legge sulla mediaconciliazione. Gli avvocati preparano ...