iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il vegetale” di Sandro Penna

Di Redazione9 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Lasciato ho gli animali con le loro
mille mutevoli inutili forme.
Respiro accanto a te, ora che annotta,
purpureo fiore sconosciuto: assai
meglio mi parli che le loro voci.
Dormi fra le tue verdi immense foglie,
purpureo fiore sconosciuto, vivo
come il lieve fanciullo che ho lasciato
dormire, un giorno, abbandonato all’erbe.

“Apri i nostri occhi” di Madre Teresa di Calcutta

man-prayingApri i nostri occhi, Signore, perché possiamo vedere te nei nostri fratelli e sorelle. Apri le nostre ...

“Stelle di marzo” di Ingeborg Bachmann

3march_largeAncora la semina è lontana. Si vedono terreni inzuppati di pioggia e stelle di marzo. Nella formula ...