iscrizionenewslettergif
Politica

Dal computer di Barbara Guerra foto “hot” delle notti di Arcore

Di Redazione8 marzo 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Barbara Guerra

Barbara Guerra

MILANO — “Non sono processualmente rilevanti”, ha detto il procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati. Ma le foto delle ragazze nude ad Arcore ci sarebbero, eccome. Lo scrivono gli agenti della polizia che indagano sulle feste del premier e delle escort che vi partecipavano. E lo confermano le intercettazioni telefoniche in mano alla Procura di Milano.

Dal computer sequestrato a Barbara Guerra, una delle ragazze che partecipavano alla feste del presidente del consiglio, gli inquirenti avrebbero trovata diverse foto delle feste, eseguite in piena notte. Si tratta di immagini ritratte utilizzando un iPhone, e scattate il 24 ottobre 2010 a partire dalle ore 4,51 sino alle ore 4,56. Dalle verifiche effettuate dalla polizia, l’utenza era quella di Barbara Guerra che “quel giorno impegna la cella ubicata in Arcore, via Buonarroti”, ovvero Villa San Martino.

Circostanza confermata anche da successive intercettazioni del 25 ottobre. A parlare sono Iris e Eleonora De Vivo. Le due ragazze discutono sulla cena in casa del premier la serata precedente, in cui era presente anche la Guerra. “Nel prosieguo delle analisi – scrivono gli agenti – si riscontravano numerose istantanee che ritraggono la Guerra, da sola, nuda in varie situazioni”. “Tra le immagini – viene precisato – ce n’è una che ritrae un paio di gambe nude incrociate, sopra un letto davanti a uno schermo a cristalli liquidi”.

Nelle trascrizioni della polizia c’è poi il file “Annina”, inserito negli atti del processo. All’allegato 12, che riguarda sempre quella serata ad Arcore, si vedrebbe un bacio osé tra donne. “Mentre al file Immag0130.jpg – continuano gli agenti – la stessa Guerra si scatta un’istantanea con una finta divisa Police nera, con cappello con visiera e nella mano sinistra un paio di manette ai polsi. La divisa comprende una camicetta scura con una generosa scollatura”. “D’altronde – proseguono gli investigatori – sia la testimone Maria Makdoum sia T.N. avevano proprio descritto nei particolari le scene del bunga bunga, durante la quale le ragazze si travestivano da infermiere o da poliziotte”.

Gheddafi: Bossi ci chiese aiuto per la secessione della Padania

Il colonnello Gheddafi TRIPOLI, Libia -- La dichiarazione è clamorosa quanto il personaggio. Ma non è per niente ...

Saffioti: a Treviglio candidato del Pdl. Ma la Lega frena

Carlo SaffiotiBERGAMO -- "Sugli accordi per le imminenti elezioni amministrative stiamo procedendo bene, sono state definite ...