iscrizionenewslettergif
Isola

Yara, il questore Ricciardi: abbiamo trovato cose importantissime

Di Redazione27 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gli esperti della scientifica sul luogo del ritrovamento

Gli esperti della scientifica sul luogo del ritrovamento

CHIGNOLO D’ISOLA — “Abbiamo trovato cose importantissime…”. Lo ha detto il questore di Bergamo, Vincenzo Ricciardi, che si trova da mezzogiorno in via Bedeschi, a Chignolo per continuare le ricerche di elementi determinanti per le indagini sulla morte di Yara Gambirasio, la ragazzina di 13 anni scomparsa il 26 novembre scorso da Brembate Sopra e ritrovata senza vita ieri pomeriggio intorno alle 15.30 in un campo del paese dell’Isola.

“A Chignolo sono al lavoro ininterrottamente gli esperti scientifici dell’Ert (Esperti ricerche tracce) – ha aggiunto Ricciardi – cercano ogni traccia minuziosa, ma comunque ciò che è stato trovato è importantissimo. Qualcos’altro, invece, lo stiamo ancora cercando”.

Secondo un testimone oculare, al momento del ritrovamento il corpo della ragazza era disteso sulla schiena con le braccia all’indietro, come per difendersi da qualcuno che le era addosso oppure come se fosse stata trascinata. Il testimone oculare è uno dei primi arrivati sul posto, che ha potuto osservare la scena del crimine prima che tutti venissero allontanati per fare spazio agli uomini della Scientifica.

I resti della ragazza, come testimoniano le immagini pubblicate da Bergamosera, non erano individuabili da lontano, e nonostante si trovassero senza alcuna copertura nemmeno parziale sopra le sterpaglie, già da pochi passi risultavano praticamente invisibili.

Ricciardi ha anche smentito le notizie circolate ieri sulla stampa di un testimone che avrebbe visto una presunta auto in fuga dal luogo del ritrovamento. L’indiscrezione era trapelata ieri sera ma non avrebbe trovato alcun riscontro.

Intanto, la persona che ieri ha ritrovato Yara è sotto choc e non vuole parlare del ritrovamento. Si tratta di un padre di famiglia, appassionato di aereomodellismo. Ieri pomeriggio stava provando un aeromodello nelle vicinanza di via Bedeschi. Il piccolo aereo durante un volo ha perso quota, finendo ai margini del campo incolto. Lasciato il telecomando, l’uomo si è diretto verso quella direzione, guardando in basso alla ricerca del modellino. Quando lo ha raggiunto, a un paio di metri di distanza si è imbattuto nel corpo. Una scena che non dimenticherà mai.

La tragedia di Yara: ecco dove l’hanno trovata

La polizia scentifica al lavoro (foto Mariani) CHIGNOLO D'ISOLA -- Una zona industriale, una via a fondo chiuso e un campo incolto ...

Sul corpo di Yara i segni di 6 coltellate, anche alla schiena

Il luogo del ritrovamento CHIGNOLO D'ISOLA -- Yara è stata colpita dal suo assassino con almeno sei coltellate, alcune ...