iscrizionenewslettergif
Politica

Mannheimer conferma: Fini perde i parlamentari ma non i voti

Di Redazione24 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

MILANO — Il nuovo sondaggio di Renato Mannheimer conferma: Fini perde i parlamentari ma non i voti. Secondo l’ultima rilevazione dell’Ispo, infatti, Futuro e Libertà, nonostante perda quasi ogni giorno un senatore o un deputato si attesta tra il 5 e il 6 per cento, cambiando leggermente tutti i giorni a seconda delle notizie di stampa.

Secondo il celebre sondaggista, nelle intenzioni di voto Gianfranco Fini nettamente superiore a quella che gli attribuiscono molti osservatori. Futuro e Libertà, sostiene sempre Mannheimer, attrae una quota molto ampia di elettori potenziali, perché è una novità dello scenario politico.

Quanto al Pdl, i sondaggi più recenti lo danno noi risulta attorno al 30 per cento, anche se secondo altri istituti di ricerca la percentuale è inferiore. Il Partito Democratico è stabile al 25-26, così come la Lega Nord tra il 10 e l’11.

Se si votasse in primavera, spiega Mannheimer, una coalizione allargata che vada da Pierferdinando Casini a Nichi Vendola “avrebbe certamente la maggioranza dei seggi sia alla Camera sia al Senato”.

Ribolla (Lega): il Pd sul federalismo ha poche idee e ben confuse

Alberto Ribolla BERGAMO -- "Ancora una volta il Pd mescola le carte in gioco e confonde una ...

Petralia (Pdl): sul federalismo il Pd sbaglia i conti della serva

Giuseppe Petralia BERGAMO-- "Le critiche del Pd cittadino al federalismo municipale? Nient’altro che conti della serva, per ...