iscrizionenewslettergif
Politica

Retroscena, la Lega: governo Tremonti altrimenti urne

Di Redazione16 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Berlusconi, Bossi e Tremonti

Berlusconi, Bossi e Tremonti

ROMA — Nonostante debba andare a processo il 6 aprile prossimo con le accuse di concussione e prostituzione minorile, il premier Silvio Berlusconi ostenta sicurezza e, almeno a parole, dice che non ha nessuna intenzione di rassegnare le dimissioni. Oggi, in una conferenza stampa ha detto che “il Governo resterà in sella fino al 2013, altrimenti vi sembra che staremmo qui così a preoccuparci di economia?”.

Ma la sensazione è che in pentola bolla qualcosa di grosso, e che quelle di Berlusconi siano dichiarazioni di facciata. Nei corridoi del potere romano circola voce che le dimissioni siano vicine, questione addirittura di ore. Il pallino della crisi è tutto in mano alla Lega, e poco fa Bossi è stato chiaro. Ai giornalisti che gli hanno riportato le parole di Berlusconi, il leader del Carroccio ha risposto con una frase secca: “Se il governo ha i numeri si va avanti. Se non ci fossero, allora cade da solo”.

Sì perché la Lega è pronta alla mossa finale. Nelle scorse ore il premier e i suoi colonnelli hanno sondato diverse possibilità. La prima proposta prevedeva un esecutivo guidato da Gianni Letta, ma Bossi è contrario. La seconda opzione ipotizzava come premier Angelino Alfano, e anche qui il Senatur e i suoi hanno risposto picche. Ora Berlusconi è nell’angolo e Bossi sa che è il momento di giocare tutte le sue carte. Per cui l’ipotesi che sta circolando in questi minuti è che la Lega salga al Quirinale nelle prossime ore per proporre al presidente della Repubblica la formazione di un nuovo esecutivo con a capo Giulio Tremonti. A quel punto Napolitano dovrebbe chiamare Berlusconi in consultazione e qualora il premier rifiutasse di passare la mano all’attuale ministro dell’Economia, la Lega gli toglierebbe l’appoggio e farebbe crollare il castello, mandando il paese ad elezioni anticipate.

Parodia su Fini e Berlusconi: Luca e Paolo spopolano sul web (video)

Luca e Paolo a Sanremo SANREMO -- E' già diventato un tormentone sul web la canzone "Ti sputtanerò" dei conduttori ...

La Lega attacca Benigni: ipocrita, 200mila euro per leggere l’inno di Mameli

Roberto Benigni all'Ariston BERGAMO -- “Il comico Benigni, strapagato per leggere l’inno di Mameli, rappresenta un’offesa a tutti ...