iscrizionenewslettergif
Politica

Frattini: violata la privacy di Berlusconi, ricorreremo alla corte di Strasburgo

Di Redazione10 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi e Franco Frattini

Silvio Berlusconi e Franco Frattini

ROMA — La violazione della privacy è un fatto che “può essere portato non solo in Italia ma anche di fronte alla Corte europea dei diritti dell’uomo: c’é una giurisprudenza molto ricca in materia”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Franco Frattini, rispondendo a una domanda sull’eventuale causa allo Stato da parte del premier Silvio Berlusconi.

“Si tratta di un problema su cui il Pdl ha posto un punto fermo, una questione politica: non pensiamo che sia immaginabile un cambiamento del governo democraticamente eletto per via giudiziaria” ha proseguito Frattini.

E’ una questione politica, ha aggiunto, che ha posto tutto il Pdl. Rispondendo poi a una domanda se un eventuale causa nei confronti dello Stato non farebbe altro che alzare il livello di scontro, Frattini ha detto che “il solo fatto che si possa immaginare di invocare un cambiamento di governo avvalendosi di metodi giudiziari è di per sé un elemento grave: bisogna tornare alla normalità, mi auguro che torni la serenità e la normalità nazionale”.

Sara Tommasi: ho un impulso insopprimibile di fare sesso

Sara Tommasi MILANO -- Certo al centro dell'attenzione ci sa stare, almeno per le cose che racconta. ...

Saffioti: il cartellone di Bruni? Il ruggito del coniglio

Carlo Saffioti BERGAMO -- E alla fine è arrivato anche il commento del coordinatore provinciale del Pdl. ...