iscrizionenewslettergif
Poesie

“Donna in Pisa” di Mario Luzi

Di Redazione9 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Non sempre fosti sola con me, spesso guardavi
lunghe feste appassite nei canali
scorrere sotto i ponti inseguite dal tempo,
tra i pampini, tra i prati languidi e il lume
della sera discendere i fondali
e le spire del fiume.
E talvolta era incerto tra noi chi fosse assente:
spesso vedevi i limpidi tornei
snodarsi nelle vie sotto i soli d’inverno,
tra logge, tra fiori fumidi e il gelo
delle mura sospingere i trofei
nella luce d’Averno.
Donna altrimenti -e niente più simile alla vita-
calda d’impercettibili passioni
velata da un vapore di lagrime ideali
nel vento, sui ponti ultimi al fuoco
delle stelle apparivi dai portali,
dietro i vetri di croco.

“Smarrimento” di Archiloco

paint-fog-and-mistTale voglia d'amore, abbarbicandosi al di sotto del cuore, mi versò fitta nebbia sugli occhi e, ...

“Viaggio” di Nazim Hikmet

maiden-voyage-richard-barham-1Durante tutto il viaggio la nostalgia non si è separata da me non dico che fosse ...