iscrizionenewslettergif
Poesie

“Di se stesso all’amata” di Ugo Foscolo

Di Redazione4 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Così gl’interi giorni in lungo incerto
Sonno gemo! ma poi quando la bruna
Notte gli astri nel ciel chiama e la luna,
E il freddo aer di mute ombre è converto;
Dove selvoso è il piano e più deserto
Allor lento io vagando, ad una ad una
Palpo le Piaghe onde la rea fortuna
E amore, e il mondo hanno il mio core aperto.
Stanco mi appoggio or al troncon d’un pino,
Ed or prostrato ove strepitan l’onde,
Con le speranze mie parlo e deliro.
Ma per te le mortali ire e il destino
Spesso obbliando, a te, donna, io sospiro:
Luce degli occhi miei chi mi t’asconde?

“Salve ragazza” di Catullo

imagesSalve ragazza! Naso non hai piccolo, ed il piede non bello, occhi non neri, dita non lunghe, ...

“Itaca” di Costantino Kavafis

2449035673_92272ba7b1Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile ...