iscrizionenewslettergif
Economia

Crescono i prezzi degli alimentari: l’inflazione sfiora il 3 per cento

Di Redazione4 febbraio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Un negozio di alimentari

Un negozio di alimentari

BERGAMO — “Qui aumenta tutto, solo gli stipendi sono sempre gli stessi”. L’esternazione di una signora al supermarket lo dice lunga su quanto sta accadendo a Bergamo. Con il proverbiale intuito della massaia, la signora ha anticipato quello che le cifre diffuse oggi dal Comune di Bergamo mettono nero su bianco: l’inflazione in città galoppa a spron battuto, anche se la pianura è costellata di macerie della crisi economica.

Nel mese di Gennaio, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), a Bergamo, risulta in aumento dello 0,3 per cento rispetto al mese precedente. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), si attesta a +2,9 per cento in rialzo rispetto al 2,6 registrato il mese scorso.

La variazione più marcata si rileva nella divisione ”Generi alimentari, bevande analcoliche”, dove aumentano i prodotti alimentari in generale (frutta e verdura subiscono gli effetti della nuova metodologia di calcolo dei prodotti stagionali) ed in particolare la classe caffè, tè e cacao. Segue “Servizi sanitari e spese per la salute” nel quale si rilevano aumenti dei servizi medici ed ambulatoriali.

In “Ricreazione spettacolo e cultura” si evidenziano rialzi per le voci: servizi ricreativi e culturali; articoli sportivi, per campeggio e attività ricreative all’aperto; in controtendenza troviamo pacchetti vacanza, giochi, giocattoli,hobby e libri. Variazioni positive per la divisione “Mobili, articoli e servizi per la casa” nella quale vi sono rialzi di mobili e arredi; articoli tessili per la casa; piccoli elettrodomestici; cristalleria, stoviglie e utensili domestici; beni e servizi per la pulizia e la manutenzione della casa.

Crescite anche per i “Trasporti” dovuto ai rincari dei carburanti, biciclette e acquisto automobili; in diminuzione i trasporti aerei e marittimi. In “Abitazione, acqua, energia elettrica e combustibili” si riscontrano incrementi per i combustibili solidi ed il gasolio da riscaldamento; in diminuzione l’energia elettrica. Risultano complessivamente in aumento le divisioni “Bevande alcoliche e tabacchi” a causa di vini e birre; mentre in “Abbigliamento e calzature” aumentano i servizi di lavanderia e le riparazioni e noleggio calzature e abiti. In diminuzione “Servizi ricettivi e di ristorazione” dovuto ai cali dei servizi alloggio. Invariate le divisioni “Istruzione”, “Altri beni e servizi” e le “Comunicazioni”.

Fondo da 200mila euro per l’aggiornamento professionale

La Camera di commercio di Bergamo BERGAMO -- La Camera di Commercio di Bergamo mette a disposizione un fondo di 200mila ...

Treni al rallentatore per far pagare di più la Regione

Treni regionali lumaca MILANO -- Treni regionali che viaggiano al rallentatore e che negli anni, anziché migliorare le ...