iscrizionenewslettergif
incubatore-728x90gif
Bergamo

Montagna: parte la quinta edizione dell’Orobie Film Festival

Di Redazione31 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Orobie Film festival

Orobie Film festival

BERGAMO — Tutto pronto per la quinta edizione dell’ Orobie Film Festival, la rassegna dedicata ai documentari di montagna e ai film a soggetto, organizzata dall’Associazione Montagna Italia. L’evento, giunto alla quinta edizione, nasce dalla consapevolezza che le Alpi Orobie e i territori che esse abbracciano costituiscono un meraviglioso habitat ed un fecondo territorio economico, culturale e ricreativo nel cuore della Lombardia, che si distingue per la sua specifica e multiforme natura, cultura e storia.

Tre le sezioni dei due concorsi (cinematografico e fotografico): “Orobie e montagne di Lombardia”, “Paesaggi d’Italia” e “Terre alte del mondo”, ideati per accogliere opere cinematografiche e fotografiche che siano in grado di rendere la meravigliosa complessità della realtà montana, dalla dimensione locale a quella più internazionale.

Momento di particolare rilevanza e prestigio sarà Gran Galà Internazionale della Montagna, serata finale del festival, che si terrà sabato 12 febbraio alle ore 20,30 e che vedrà la consegna dei Premi Montagna Italia al Club 4000, alla Cooperativa Donne di Montagna e a Tom Perry l’alpinista scalzo, nonché le premiazioni dei Concorsi cinematografico e fotografico.
Verranno anche estratti alcuni premi offerti da Turismo Bergamo e da Valtellina Turismo.

Il Sottosegretario al Cinema della Regione Lombardia, Massimo Zanello, ha aperto la presentazione sottolineando la forza di un Festival che cresce in modo autorevole, trovando anno dopo anno gli spunti per rinnovarsi e migliorarsi. Per la Regione Lombardia, cinema non è solo la sala in cui scorrono i soliti nomi e i soliti volti, ma tutto l’audiovisivo, con le opere di ricerca e sperimentazione che lo caratterizzano. “OFF – ha affermato Zanello- si pone così come un importante canale culturale da un lato e distributivo dall’altro, poiché permette la diffusione di prodotti alternativi a quelli più strettamente commerciali. E’ una manifestazione all’altezza dell’eccellenza lombarda, di cui tutti dobbiamo essere orgogliosi e sostenitori”.

Il Presidente di OFF, Roberto Gualdi, dopo un doveroso ringraziamento ai Partner che sostengono il Festival, ha presentato il programma della V edizione, che si preannuncia come sempre ricca di ospiti e di opere in concorso.
A seguito dell’ingente numero di documentari pervenuti al Comitato Organizzatore (oltre 200 opere da 24 Nazioni del mondo), quest’anno è stato inserito nel programma un pomeriggio di proiezioni, previsto per la giornata di mercoledì 9 febbraio. Grande il successo riscosso anche dalla seconda edizione del concorso fotografico, a cui sono pervenute più di 120 fotografie.
Ricordando che questa sarà la quinta edizione dell’evento, Gualdi è ritornato alle origini della manifestazione, nata come la sfida di far conoscere le Orobie al mondo. “Oggi – ha concluso – il nostro è un importante Festival di montagna italiano, secondo solo all’affermata realtà di Trento. Siamo orgogliosi di far vivere a Bergamo un’iniziativa che fa da vero e proprio propulsore al turismo culturale del nostro territorio”.

La parola è quindi passata al Consigliere della Provincia di Bergamo Angelo Bosatelli che, dopo aver richiamato la sua passione e il suo impegno per la realtà di montagna (è infatti Sindaco di Villa d’Ogna), ha condiviso con il pubblico presente la convinzione che, per una efficace valorizzazione delle aree montane, sia indispensabile partire dal coinvolgimento delle giovani generazioni, attraverso iniziative mirate nelle scuole. “La sensibilità della provincia nei confronti di queste tematiche – ha continuato- è talmente alta che per la prima volta il Presidente ha dato una delega specifica per la montagna all’Assessore Fausto Carrara”.

E’ intervenuto poi il Presidente del Consiglio del Comune di Bergamo, Guglielmo Redondi, che ha speso parole di ammirazione per OFF. Dopo un periodo in cui la montagna è stata oggetto di speculazioni e di degrado al punto che molte aree si erano spopolate, infatti, stiamo assistendo oggi ad un’inversione di rotta che si sviluppa attorno a un nuovo valore riconosciuto alla montagna, patrimonio da proteggere, tutelare e valorizzare.

Un saluto anche dalla Presidente del CAI – Regione Lombardia, Renata Viviani. “Orobie Film Festival –ha dichiarato– guarda alla montagna senza stereotipi, dal punto di vista dell’ambiente, della natura e, soprattutto, dal punto di vista dell’uomo. Il CAI della Lombardia, per il secondo anno a fianco della manifestazione, con le sue 145 sezioni e i suoi 190.000 soci è una delle realtà più grosse a livello nazionale e auspica per il futuro una collaborazione sempre più stretta con questo Festival.

Il Presidente del BIM di Bergamo Carlo Personeni ha sottolineato la comunanza di intenti tra il Consorzio e Orobie Film Festival, che si rintraccia nella volontà di favorire lo sviluppo socio economico della gente di montagna. ”Il territorio di montagna –ha chiarito Personeni- è una risorsa non solo per quanto riguarda il turismo, ma per tutta una serie di caratteristiche e di risorse che gli sono peculiari”.

La parola è quindi passata a Giuseppe Crippa, Console Onorario della Bolivia, che sarà il Paese Ospite della V edizione. Il Console si è rallegrato per questo gemellaggio culturale che “non potrà che rendere ancora più intenso il legame che la storia recente ha creato fra Bergamo e la Bolivia, anche mettendo in valore la comune consuetudine e passione per la montagna”. La presenza della Bolivia ad OFF si concretizzerà attraverso la proposta di due spettacoli di folklore di montagna e attraverso immagini che, con gli interventi del Dr. Burgoa e dei partecipanti a una spedizione sul lago Titicaca, riempiranno di immagini e colori gli occhi degli spettatori.

Dalla platea ha portato il suo saluto il Dott. Mariangelo Cossolini – Responsabile U.S.S.A. Coordinamento Prelievo e Trapianto d’organi e Tessuti Area della Provincia di Bergamo, che presenterà martedì 8 il progetto “Scegli insieme” in favore della donazione di organi, realizzato in collaborazione con AIDO, ASL e l’Assessorato Politiche Sociali.

Parole di soddisfazione per Piero Gritti, Presidente della giuria del concorso fotografico, che ha sottolineato la crescita in termini numerici e qualitativi delle fotografie giunte per il concorso, soprattutto per quelle relative al nostro territorio.

L’appuntamento è fissato dunque per sabato 5 febbraio alle ore 20,30 al Centro Congressi Giovanni XXIII per la serata di inaugurazione del Festival per tutti gli appassionati della montagna e non solo, serata che si aprirà con uno spettacolo realizzato dal Centro Studi Danzarea.

Omicidio colposo: cinque medici dei Riuniti rinviati a giudizio

Gli Ospedali Riuniti di Bergamo BERGAMO -- Una brutta, bruttissima vicenda, dai contorni tutti da chiarire. Cinque medici del reparto ...

Temperature in aumento, ma preoccupa la nebbia

Occhio alla nebbia BERGAMO -- Sarà la nebbia a preoccupare in questo inizio di settimana. Mentre la perturbazione ...