iscrizionenewslettergif
Politica

Intercettazioni, la rabbia della Minetti: Berlusconi è un pezzo di m…

Di Redazione26 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Nicole Minetti

Nicole Minetti

MILANO — La Procura di Milano ha fatto recapitare un invito a comparire al consigliere regionale Nicole Minetti, indagata nell’inchiesta per induzione e favoreggiamento della prostituzione e prostituzione minorile. I pm hanno anche inviato nuovo plico di 227 pagine alla Camera dei deputati, analizzato quest’oggi dalla Commissione per le autorizzazioni a procedere.

“Nella giornata odierna, alle 13.33 – riferisce la Segreteria della Camera in una nota stampa – è pervenuta alla presidenza della Camera, da parte della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano, ulteriore documentazione integrativa di quella già inviata il 14 gennaio scorso in relazione alla domanda di autorizzazione ad eseguire perquisizioni domiciliari nei confronti del tesoriere del premier Giuseppe Spinelli”. Secondo quanto si apprende, non si tratterebbe di nuove richieste di perquisizioni.

Nicole Minetti, il cui ufficio e la cui abitazione sono state perquisite lo scorso 14 gennaio, come gli appartamenti di una decina di ragazze che avrebbero partecipato alle serate ad Arcore con il premier, è indagata per violazione della Legge Merlin e induzione e favoreggiamento della prostituzione minorile, insieme a Emilio Fede, Lele Mora e almeno altre 3 persone.

Dagli atti di indagine, inoltre, è emerso che Minetti è intestataria di quattro appartamenti della Dimora Olgettina, dove vivono alcune delle giovani “amiche” del premier. Secondo l’inchiesta della Procura, la Minetti, insieme al fiduciario di Berlusconi Giuseppe Spinelli avrebbe provveduto alle spese delle ragazze e all’organizzazione delle feste.

“Sì, mi ha telefonato il mio avvocato per comunicarmelo, ma non so ancora nulla dei dettagli della convocazione: appena finito qui i lavori in commissione mi confronterò con il mio legale” ha detto la Minetti, consigliere regionale lombardo del Pdl. Al momento, la Minetti non ha reso noto se si presenterà agli inquirenti per essere interrogata.

Intanto dalle intercettazioni telefoniche emerge tutta la rabbia di Nicole Minetti che avrebbe espresso giudizi durissimi nei confronti di Silvio Berlusconi. “C’e’ un limite a tutto, non me ne frega un c… se lui è il presidente del Consiglio. E’ un vecchio e basta”, dice la Minetti in una telefonata dell’11 gennaio a Clotilde Strada. “Io non mi faccio pigliare piu’ per il c… così, si sta comportando da pezzo di m…”. “Lo sapevamo”, le risponde Clotilde. “Perchè uno che fa cosi’ e’ un pezzo di m…”, insiste Minetti, “perchè lui mi ha tirato nei casini in una maniera che solo Dio lo sa. In cui non sarei finita neanche se ci mettevo tutto l’impegno. Gli ho parato il c… e non si puo’ permettere di fare cosi'”. In un’altra telefonata sempre a Clotilde, la Minetti dice: “Tu hai mai sentito dire dalla sua bocca: ‘oh, fermi un attimo, guarda che lei e’ una brava ragazza’? Lui pur di salvare il suo c… flaccido non se ne frega di niente”. E ancora, in una conversazione allegata qualche pagina dopo: “A lui non gliene frega niente, io ho capito questo. Cioe’ io per la prima volta ho realizzato che lui non mi ha dato quel ruolo perche’ pensava che io fossi idonea e adatta, mi ha dato quel ruolo perche’ in quel momento e’ la prima cosa che gli e’ venuta in mente”, spiega Minetti, “se non ci fossi stata io ma ci fosse stata un’altra l’avrebbe data a un’altra”.

Il presidente del consiglio regionale visita l’Ente bergamaschi del mondo

Il presidente del consiglio regionale Davide Boni BERGAMO -- Il presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Davide Boni ha visitato questa mattina ...

Ufficiale: Mantovani nuovo coordinatore lombardo del Pdl

Mantovani (a sinistra) con Marco Pagnoncelli MILANO -- Il presidente del Pdl Silvio Berlusconi ha firmato ieri il decreto di nomina ...