iscrizionenewslettergif
Politica

I “finiani” all’attacco: la Minetti dia le dimissioni

Di Redazione26 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Nicole Minetti in consiglio regionale

Nicole Minetti in consiglio regionale

BERGAMO — “Generazione Futuro – Bergamo esprime il proprio apprezzamento e il proprio sostegno per l’iniziativa della giovane consigliera circoscrizionale del PdL a Milano, Sara Giudice, che, nei giorni scorsi, ha avviato una raccolta firme per chiedere le dimissioni della consigliera regionale Nicole Minetti. Quest’ultima, come noto, è al centro delle cronache degli ultimi giorni, essendo stata, a quanto sembra, protagonista nell’organizzazione delle ormai famose notti di Arcore”. Lo scrive in una nota stampa il movimento giovani del Fli.

“Vogliamo precisare che il nostro appoggio all’iniziativa di Sara non dipende esclusivamente dal presunto coinvolgimento della consigliera Minetti in vicende quanto meno torbide, di cui spetterà alla magistratura accertare il fondamento, ma si fonda innanzitutto su ragioni di carattere meritocratico. In altre parole non possiamo non chiederci quali siano i particolari motivi che hanno spinto chi di dovere a candidarla nel listino bloccato del Presidente Formigoni, garantendole un assegno mensile da Consigliere regionale di oltre 12.500 euro”, proseguono i seguaci di Fini.

“Scorrendo il curriculum della Minetti – proseguono gli esponenti del Fli – non siamo proprio riusciti a comprenderli. A noi pare uno schiaffo in faccia alle tante ragazze e ai tanti ragazzi che giorno dopo giorno cercano con fatica di costruirsi un futuro con onestà, impegno, senza scendere a compromessi. Già all’atto della compilazione delle liste per le Regionali dello scorso anno erano state sollevate da più parti (soprattutto negli ambienti “finiani”) perplessità circa la presenza di Nicole Minetti nel listino del presidente. Nonostante ciò né i dirigenti del PdL né l’interessata avevano ritenuto di fare un passo indietro. Tuttavia, sulla scorta di quanto detto sopra e alla luce delle notizie che circolano in questi giorni sui media, consideriamo ora quanto meno opportune, se non doverose, le dimissioni della Consigliera Minetti e invitiamo pubblicamente i ragazzi e le ragazze della Giovane Italia di Bergamo ad unirsi a noi nel sostenere l’iniziativa della loro (allo stato) collega di Partito, Sara Giudice. Almeno sulla difesa della meritocrazia non è possibile dividersi: noi giovani non ce lo possiamo permettere” conclude Generazione Futuro.

Pdl: cinquemila firme per chiedere le dimissioni della Minetti

Nicole Minetti MILANO -- Sono oltre cinquemila gli iscritti e simpatizzanti del PdL che hanno già firmato ...

Il piano segreto: Tremonti premier, Berlusconi al Quirinale

Silvio Berlusconi MILANO -- Qualcuno lo ha chiamato piano segreto. Altri improrogabile necessità. Certo è che Berlusconi ...