iscrizionenewslettergif
Poesie

“Notturno nuziale” di Ada Negri

Di Redazione25 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Quando tu venisti, una notte, verso il suo letto, al buio,
e le dicesti, piano, già sopra di lei: Non ti vedo, non ti sento.
E la ghermisti con artiglio d’aquila, e tutta la costringesti nella tua forza
riplasmandola in te con tal furore ch’ella perdette il senso d’esistere.
E uno solo in due bocche fu il rantolo e misto fu il sangue e fu il ritmo perfetto,
e dal balcone aperto la notte guardava con l’occhio d’una sola stella
rossastra,
e il sonno che seguì parve la morte, e immoti come cadaveri
la tristezza dell’ombra vi vegliò sino all’alba.

“Tristezza ” di Kahlil Gibran

images28Interrogo la tristezza e scopro che non ha il dono della parola; eppure, se potesse, sono convinto che ...

“Il cuore che ride” di Charles Bukowski

images33La tua vita è la tua vita. non lasciare che le batoste la sbattano nella cantina ...