iscrizionenewslettergif
Politica

Rifiuti: la Rea aumenta le tariffe, la Provincia risponde picche

Di Redazione24 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'inceneritore di Dalmine della Rea

L'inceneritore di Dalmine della Rea

BERGAMO — Una bella batosta. La Rea ha deciso unilateralmente di aumentare le tariffe di smaltimento dei rifiuti per i comuni bergamaschi: +64% dei costi, con un aumento netto di 54,75 euro a tonnellata smaltita. Un salasso dovuto al mancato accordo con la Provincia dopo il 31 maggio 2010, giorno in cui scadeva la convenzione stipulata nel 1998.

Da allora, dopo mesi di trattative, non si è ancora arrivati ad un accordo. E così la società ha deciso di adeguare la tariffa senza interpellare la Provincia. A questo proposito il capogruppo della Lista Bettoni in Consiglio Provinciale Vittorio Milesi ha presentato un’interpellanza urgente riguardante la tariffa di conferimento dei rifiuti solidi urbani nell’impianto Rea di Dalmine. Di seguito il testo.

Leggi l’interpellanza al presidente della Provincia

Mentre l’assessore provinciale all’Ambiente Pietro Romanò ha giudicato “grave lo strappo dell’azienda” e ha invitato i Comuni a non adeguarsi alla nuova tariffa.

Aeroporto: D’Aloia ci pensa, ma il Pdl vede bene Pagnoncelli

Da sinistra: Marco Pagnoncelli, Giorgio Jannone, Valerio Carrara, Roberto Formigoni BERGAMO -- L'appuntamento è per la prossima primavera. Ma nei corridoi del potere, come noto, ...

L’ex marito smentisce la Macrì: quei gioielli glieli ho regalati io

Nadia Macrì ad Annozero MILANO -- Per la serie "c'eravamo tanto amati" Antonio Di Bella smentisce la sua ex ...