iscrizionenewslettergif
Salute

Lavoro: servono 20mila medici in più

Di Redazione24 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Carenza di medici

Carenza di medici

BERGAMO — I dirigenti ospedalieri, i primari e gli aiuti, sono in via di estinzione. Lo rilevano gli ultimi dati contenuti nello schema di Piano sanitario nazionale per il triennio 2011-2013 approvato venerdì dal Consiglio dei ministri in forma preliminare.

Nell’ambito delle risorse umane le previsioni sono nere. La stima dice che entro il 2015 diciassettemila medici lasceranno gli ospedali e le strutture nazionali per aver raggiunto l’età della pensione. In parte non verranno rimpiazzati per la crisi economica e i tagli del personale. In parte mancheranno i rincalzi.

La crisi italiana si avvertirà in modo sensibile a partire dal 2012, avvio di un “saldo negativo tra pensionamenti e nuove assunzioni”. La forbice tra chi esce e chi entra tenderà ad allargarsi anche per penuria di nuovi professionisti sfornati dalle scuole di specializzazione. I tecnici del ministro della Salute, Ferruccio Fazio, hanno proposto dei correttivi come l’aumento di risorse finanziarie per la formazione degli specialisti.

Da innalzare innanzitutto i contratti finanziati dallo Stato. Oggi sono 5 mila, insufficienti. Dal 2012 al 2014 è prevista una carenza di 18mila medici che diventeranno 22 mila dal 2014 al 2018. Legato a questo il problema degli specializzandi in medicina veterinaria, odontoiatria, farmacia, biologia, chimica, fisica e psicologia che oggi non ricevono borse di studio.

Malaria: attenzione ai viaggi lastminute

Una spiaggia del Gambia Una pausa invernale in mete esotiche, decisa all'improvviso e a basso costo. Last minute, in ...

Schizofrenia: un gene influenza le cure

Schizofrenia Importante passo in avanti per rendere piu' efficaci i farmaci per la cura di malattie ...