iscrizionenewslettergif
Poesie

“Valigie” di Marino Moretti

Di Redazione19 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Voglio cantare tutte l’ore grigie
in questa solitudine pensosa
mentre raduno ogni mia vecchia cosa
a riempir le mie vecchie valigie.
Oh le valigie, le compagne buone
dei poveri viaggi in terza classe
vecchie, sfiancate, fatte con qualche asse
sottile e con la tela e col cartone.
Le camicie van qui da questa parte,
quaggiù ai colletti cerco di far posto,
lì le cravatte e qua, quasi nascosto,
un manoscritto, e ancora libri e carte.
Ecco il pacchetto della mamma. Odora
vagamente di cacio e di salame.
Già, se avessi in viaggio ancora fame.
E questo libro e un altro, un altro ancora.
Dove vado? Non so. Ma mi sovviene
d’averla pur desiderata questa
partenza come, il piccolo, la festa
che col serraglio e con la giostra viene.
Dove vado? Non so. Ma pare a me ch’io debba
vivere senza scopo, allo sbaraglio;
e a tratti con l’inutile bagaglio
partir per i paesi della nebbia…

“Il gioco degli dei” di Paulo Coelho

images-111Gli dei lanciano i dadi, ma non domandano se vogliamo partecipare al gioco. Non vogliono ...

“Per un bel giorno ” di Attilio Bertolucci

images20Un cielo così puro un vento così leggero non so più dove sono dove ero. O gaggìa nuda, bruna violetta che ...