iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il male” di Arthur Rimbaud

Di Redazione13 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Sibilano tutto il giorno i rossi scaracchi
Della mitraglia, nel cielo infinito d’azzurro;
Mentre, scarlatti o verdi, accanto al Re beffardo,
Crollano in massa nel fuoco i battaglioni;
Mentre un’orrenda follia maciulla cento
Migliaia d’uomini e li ammucchia fumanti;
– Poveri morti! nell’estate, nell’erba, nella tua
Goia, oh Natura! tu che li creati santamente!…
– C’è un Dio, che irride ai lini damascati
Degli altari, all’incenso, ai gran calici d’oro;
Che si addormenta cullato dagli osanna,
E si risveglia quando le madri, contratte
D’angoscia, piangendo sotto la cuffia consunta,
Gli offrono, annodato nel fazzoletto, un soldo!

“Trieste” di Umberto Saba

trieste-via-della-cattedrale-anthony-metonHo attraversato tutta la città. Poi ho salita un'erta, popolosa in principio, in là deserta, chiusa da un ...

“Solitudine” di Susanna Tamaro

images8La solitudine è il più straordinario mezzo per entrare in intimità con noi stessi. E, paradossalmente, la ...