iscrizionenewslettergif
Sport

Bonaventura e Barreto dirigono una splendida orchestra

Di Redazione11 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Giacomo Bonaventura segna il vantaggio (foto Mariani)

Giacomo Bonaventura segna il vantaggio (foto Mariani)

BERGAMO – All’Atalanta manca qualità? Eccovi qui la premiata ditta Bonaventura-Barreto. Sono loro i protagonisti del successo nerazzurro sul Grosseto, un 2-0 senza patemi che lancia l’Atalanta a quota 42 in testa alla classifica.

Consigli 6: Si segnala un paio di volte in uscita (di testa al 13′ e di pugno al 21′) prima di rispondere alla grande in tuffo sull’ottimo Soncin.

Bellini 6: Buona partita sia in fase di copertura che di spinta, subisce una mini imbarcata da Alfageme dopo pochi minuti ma si riprende alla grande e gestisce senza affanni.

Capelli 6: Senza Manfredini lo spazio per lui aumenterà e se il rendimento continua ad essere come quello delle ultime prove c’è da star tranquilli.

Troest 6: Più gioca, più convince. Il Grosseto non ha chissà quali granatieri in avanti eppure lui libera senza problemi anche sullo sgusciante Soncin.

Peluso 6,5: In fase di copertura vale lo stesso discorso dei compagni, si merita mezzo voto in più perchè arriva spesso sul fondo in cerca del cross decisivo e se Tiribocchi segnasse nel primo tempo potremmo annotare anche un assist vincente.

Padoin 6,5: Corona un primo tempo di grande sostanza con lo splendido cross per Bonaventura che vale l’1-0. Colantuono gli risparmia una manciata di minuti e il pubblico lo applaude. (dal 68′ Ferreira Pinto 6: rientro positivo)

Barreto 7,5: La nota lieta della serata. Gioca con un gran piglio e mette la sua qualità (di livello mondiale, era a Sudafrica 2010) al servizio dei compagni: i due assist sprecati dal Tir nel primo tempo (7′ e 26′) sono cioccolatini, la torta riesce completa al 52′ in occasione del 2-0. Con questo approccio, è un lusso per la B.

Carmona 6: Lavoro oscuro, al servizio della squadra e senza particolari squilli. Metronomo vecchio stile, forse ancora troppo lento ma certamente di valore. (dal 52′ Basha 6: ordinaria amministrazione)

Bonaventura 7,5: Il cucciolo marchigiano che viveva all’ombra di Doni è cresciuto. Sotto lo sguardo del capitano, Jack si rende due volte pericoloso nei primi sei minuti e dopo aver segnato il terzo gol stagionale di testa continua a dare qualità come gli riesce ormai da qualche partita: valore aggiunto

Ceravolo 6,5: Guizzante e molto attivo fin dai primi minuti, serve a Tiribocchi un gran pallone al 19′ e nel complesso piace per quello che cerca di dare alla squadra: non è un bomber, non è un ariete ma quando lo chiami in causa risponde presente. (dall’87’ Doni sv)

Tiribocchi 6: Sbuccia un destro al volo al 7′, Incrocia alla grande un cross di Ceravolo al 19′ sul fondo, sbaglia al 26′ su grande assist di Barreto e ancora al 39′ su splendido cross di Peluso: poteva farne quattro, riesce a segnare al 52′ di testa ma deve fare di più.

Colantuono 7,5: Senza centravanti di ruolo propone Ceravolo e vince a mani basse una partita che aveva definito pericolosa più per scaramanzia che per convinzione. La squadra gioca anche bene, è in testa alla classifica e in serie B vince più di tutti: come si può fischiare un tecnico che al giro di boa si presenta con simili risultati?

Fabio Gennari

Atalanta, aggancio in vetta: Grosseto battuto 2-0

Il 2-0 di Simone Tiribocchi (foto Mariani) BERGAMO – Vittoria, convincente e meritata, che vale il primo posto in classifica. Otto punti ...

Tiribocchi: contento per il gol, ma potevo segnare di più

Simone Tiribocchi BERGAMO -- Dopo il primo tempo, farcito di quattro limpide occasioni gettate alle ortiche, sembrava ...