iscrizionenewslettergif
Bergamo

La Coldiretti mette online la “borsa” dei fiori

Di Redazione10 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il sito

Il sito

BERGAMO– Una piazza virtuale dove reperire fiori e piante semplicemente con un click, senza uscire dai confini provinciali o doversi addirittura rivolgere a produttori stranieri. Un modo per conoscere la mappa delle produzioni e delle attività floricole “Made in Bergamo”, ma anche per fare rete tra addetti ai lavori e dare vita a utili sinergie commerciali. Sono questi gli obiettivi del nuovo sito Internet predisposto dalla Consulta dei florovivaisti che aderiscono a Coldiretti, una banca dati ancora in via di costruzione che però è già operativa e si propone di facilitare lo scambio di merce tra aziende oltre che pubblicizzare e promuovere servizi e prodotti.

“L’idea di realizzare questo sito – spiega Carlo Donini, florovivaista di Trescore Balneario e uno dei promotori dell’iniziativa – è nata dall’esigenza di creare una maggiore connessione tra le aziende del settore florovivaistico. Molte volte abbiamo la necessità di reperire determinate piante o fiori perché abbiamo esaurito la nostra produzione, diventa quindi importante sapere se c’è la possibilità di rifornirsi direttamente sul territorio. L’obiettivo è di contenere i costi di trasporto e avere la merce in tempi rapidi, contribuendo così a riequilibrare il mercato locale e andando incontro alle esigenze di aziende che per motivi vari hanno difficoltà nelle vendite. Il portale è anche un’interessante vetrina per farsi conoscere dai potenziali clienti, che potranno così trovare comodamente un manutentore del verde o un garden vicino a casa propria”.

Suddiviso in diverse sezioni, il sito contiene informazioni e dati sui floricoltori, manutentori, vivaisti e garden. Include anche due pagine con i prodotti floro e i prodotti da vivaio. “Il florovivaismo – sottolinea il presidente di Coldiretti Bergamo Giancarlo Colombi – è uno dei settori agricoli più dinamici e orientati al mercato. Per questo deve essere supportato con strumenti innovativi come questo sito Internet, per far circolare il più in fretta possibile le informazioni, creando opportunità di scambio e sostegno reciproco tra le imprese”.

Le aziende florovivaistiche nella Bergamasca sono circa duecento e danno vita a una filiera del verde molto interessante che pone la nostra provincia ai primi posti a livello regionale. “Oggi la capacità di scambiarsi velocemente le informazioni è di grande rilevanza – spiega il direttore di Coldiretti Bergamo Lorenzo Cusimano – così come è strategico che tra i produttori si sviluppi una mentalità improntata all’aggregazione. Affinché il sito Internet possa consolidarsi ulteriormente e diventare a tutti gli effetti una Borsa virtuale dei fiori bergamaschi è necessario raccogliere il maggior numero di informazioni in modo da avere a disposizione una fotografie reale e particolareggiata”.

Il portale punta ad ospitare disponibilità aggiornate mensilmente ed eventuali necessità commerciali da parte delle aziende stesse fino diventare un’anagrafica produttiva completa, che oltre alle tipologie di prodotti affianca anche le quantità degli stessi. Uno “storico” tale da poter costituire una sorta di guida d’orientamento per le imprese nella scelta di specie vegetali carenti in alternativa ad altre che magari già saturano il mercato, consentendo così di ottimizzare la loro redditività.

Inizio di settimana bagnato, ma da mercoledì torna il bel tempo

Lunedì e martedì pioggia BERGAMO -- Ancora due giorni di pioggia, poi il tempo, a partire da mercoledì migliorerà. ...

Buche sulle strade, il Comune: guidate con prudenza

Occhio alle buche sulle strade BERGAMO -- "Con la presente si comunica che, a seguito della situazione meteo e delle ...