iscrizionenewslettergif
Bergamo

Case: in tre anni perso il 20 per cento del valore immobiliare

Di Redazione7 gennaio 2011 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Bergamo

Bergamo

BERGAMO — “In tre anni, dalla crisi dei mutui subprime del 2007 ad oggi, i valori immobiliari si sono ridotti in media del 20 per cento, con picchi del 30, e molti proprietari immobiliari sono rimasti paralizzati, congelando il prezzo in attesa di tempi migliori”. Lo sostiene il presidente provinciale della Fiaip di Bergamo (la Federazione degli agenti immobiliari) commentando i dati statistici pubblicati all’inizio dell’anno dalla Camera di Commercio che indicano che nel 2009 si è assistito ad una brusca battuta d’arresto delle “attività immobiliari” nella provincia di Bergamo.

Secondo i dati, le 3.534 società di capitale operanti nel settore hanno visto un calo di fatturato del 24,2 per cento, da una media di 450mila Euro del 2008 ai 340mila del 2009.

“Si tratta di dati parziali, considerando che nel settore operano molte società di persone e ditte individuali che non depositano i bilanci – prosegue Olivati – ma l’indicazione statistica della Camera di Commercio è chiara: nel 2009 anche a Bergamo il settore immobiliare ha impattato contro lo tsunami della crisi mondiale del real estate. È stato il nostro annus horribilis, quello in cui non si riusciva a colmare il gap tra domanda e offerta”.

“Solo nel 2010 – prosegue Olivati – ci si è resi conto che le “vacche grasse” non sarebbero tornate presto, e i proprietari hanno cominciato a metabolizzare il plafonamento dei valori, abbassando i prezzi richiesti o rendendo più elastiche le trattative, per cui il mercato ha ricominciato timidamente a fluidificarsi. Del resto – conclude il presidente Fiaip Bergamo – anche al netto della crisi, i valori immobiliari sono almeno raddoppiati in 10 anni, complice anche l’introduzione dell’Euro. L’immobile che si vendeva nel 2000 a 100 milioni di lire oggi vale almeno 100 mila Euro, segno che il caro vecchio mattone non tradisce mai. Il bene immobile, rileva l’Osservatorio Fiaip Bergamo, si rivaluta regolarmente considerando un ciclo decennale, e frutta un reddito diretto se dato in locazione, o indiretto se abitato dal proprietario che risparmia così l’affitto. Non esiste altro investimento al mondo con simili performance”.

Saldi: assalto a centri commerciali e negozi in città

I saldi BERGAMO -- Dire che è stata una corsa ai saldi è dire poco. Ieri, alle ...

Lettera anonima a L’Eco: “Yara è nel cantiere di Mapello”

Il cantiere del centro commerciale di Mapello, sull'area della ex Sobea BERGAMO -- Il messaggio anonimo, sottoforma di una lettera, è arrivato questa mattina alla redazione ...